Spettatori

Notizie, curiosità, indiscrezioni e tanto altro sulle varie incarnazioni della band

Moderatori: Fabio, dipparl, Ranfa

Regole del forum

Clicca per leggere le Regole del Forum. L'importante comunque è: no insulti; no razzismo; no politica; no link a materiale protetto da copyright, bootleg compresi. Leggi anche le Domande Frequenti (FAQ) prima di postare. Nuovo nel forum? Presentati qui!

Re: Spettatori

da nobody's home » lunedì 8 gennaio 2018, 22:24

1987 è un album voluto da Coverdale x dare nuova forma aii Whitesnake. E ci è riuscito.Nel suo genere grande album.Ci campa ancora oggi su 1987...
The House of blue Light lo vedo uscito in modo "più forzato"..Alla ricerca di qualcosa senza svilupparlo come si deve...peccato ..Anche xche di idee ne ha anche molte di più di 1987 (che scopiazza qua e la)...
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 553
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: Spettatori

da GIORGIO.MARCATO » lunedì 8 gennaio 2018, 23:45

Boh, io posso sentire e sentirò altre mille volte The House of Blue Light e probabilmente una sola, dieci minuti fa, questo 1987. Mai più ste schitarrate vuote e sta voce permanentemente alta e inespressiva, quella batteria insopportabile. Mille volte meglio il Coverdale precedente, non c'è confronto, band compresa. Potevano venderne cinquanta milioni, di dischi, non cambia nulla.
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4332
Iscritto il: domenica 13 dicembre 2009, 19:47
Località: Padova

Re: Spettatori

da nobody's home » lunedì 8 gennaio 2018, 23:51

Siamo d'accordo che i Whitesnake precedenti avevano un altro passo.
Ma avevano anche Lord..Paice..Moody...1987 è artificiale. .Uno dei migliori album artificiali e costruiti a tavolino di sempre..Era quello che desiderava Coverdale..Da li non è (quasi ) più uscito...
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 553
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: Spettatori

da purpleangel » martedì 9 gennaio 2018, 1:04

Boh io di artificiale non ci vedo nulla vedo solo un certo genere e grandi pezzi di questo genere.
Mi viene in mente un certo Hysteria per esempio..pure questo diverso dai precedenti DL ma sti cavoli capolavoro inarrivabile.
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 6028
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

Re: Spettatori

da fabio q » martedì 9 gennaio 2018, 1:18

purpleangel ha scritto:Capisco che non piace il genere, capisco che stanno sulle palle i capelli cotonati di david ma 1987 è un disco caposaldo di un intero genere, un disco le cui canzoni si sentono ancora oggi in radio, un disco che è arrivato al 2 di billboard quando il precedente era arrivato al 40, un disco che ha venduto 8milioni di copie.
Ripeto, non piace? ok. ma farlo passare per un dischetto è ridicolo.

Infatti non è un dischetto, è un discaccio
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5602
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Spettatori

da fabio q » martedì 9 gennaio 2018, 4:03

nobody's home ha scritto:1987 è un album voluto da Coverdale x dare nuova forma aii Whitesnake. E ci è riuscito.Nel suo genere grande album.Ci campa ancora oggi su 1987...
The House of blue Light lo vedo uscito in modo "più forzato"..Alla ricerca di qualcosa senza svilupparlo come si deve...peccato ..Anche xche di idee ne ha anche molte di più di 1987 (che scopiazza qua e la)...

Ecco vedi....ammesso che THTBL sia più "forzato", ma è sicuramente più originale...e sostanzialmente DP, il marchio di fabbrica è quello....con 1987 Coverdale inizia a scimmiottare Plant ma dai....un cantante del suo calibro che imita un altro grande....e solo per soldi....per giunta cantando in tonalità che non gli competono.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5602
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Spettatori

da fabio q » martedì 9 gennaio 2018, 5:33

GIORGIO.MARCATO ha scritto:Boh, io posso sentire e sentirò altre mille volte The House of Blue Light e probabilmente una sola, dieci minuti fa, questo 1987. Mai più ste schitarrate vuote e sta voce permanentemente alta e inespressiva, quella batteria insopportabile. Mille volte meglio il Coverdale precedente, non c'è confronto, band compresa. Potevano venderne cinquanta milioni, di dischi, non cambia nulla.

Non potrei essere più d'accordo.
Uno delle cose che più detesto è proprio la batteria, peggio del fustino del dash, a seguire quelle schitarrate e Coverdale che inizia a scimmiottare, uno del suo calibro Plant boh....a volte va su registri troppo alti per lui, cosa che farà anche nel successivo Slip of toungue proprio dopo che aveva subito l'intervento e nel momento in cui iniziava a perdere la voce, dando così il colpo di grazia.
A gusto mio, secondo me è meno peggio Slip of toungue: a parte Coverdale quando fa fuori delle righe come nella title track, il suono della batteria è migliore, così come il lavoro di Steve Va rispetto a Sykes che con tutte quelle scitarrate hair metal risulta stucchevole (cosa che farà un po' meno nel disco dei Blue Murder, per dire).
Che il Coverdale precedente sia migliore neanche starlo a dire, e il fatto che ha venduto così non cambia il risultato.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5602
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Spettatori

da 1984 » martedì 9 gennaio 2018, 12:52

purpleangel ha scritto:Boh io di artificiale non ci vedo nulla vedo solo un certo genere e grandi pezzi di questo genere.
Mi viene in mente un certo Hysteria per esempio..pure questo diverso dai precedenti DL ma sti cavoli capolavoro inarrivabile.


di " artificiale" secondo me si può intendere il fatto che ha voluto riproporre cover dei vecchi WS con suoni del tutto rinnovati e modaioli per l'epoca...sui Def leppard di Hysterria concordo sul capolavoro...ma a differenza di 1987, in cui si stravolge tutto a livello di playng sound e vocal, Hisetrya rimane almeno secondo me molto molto più Def Leppard style...oltre a rinnovarsi in realtà credo fermamente che con quel disco abbiano trovato la loro dimensione naturale in fatto di composizioni sonorità e arrangiamenti..degno successore di Pyromania dovuta anche ad un evoluzione tecnico stilistica e compositiva... =D>
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 362
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2009, 9:13

Re: Spettatori

da purpleangel » martedì 9 gennaio 2018, 13:38

A parte che a me crying e here piacciono di più su 1987 ma pure togliendole..rimangono:
still of the night che gli vuoi dire uno dei pezzi hard rock migliori di sempre
give me carica pazzesca, porca troia finestrino abbassato e a manetta pezzone
bad boys riffoni melodie da cantare a squarciagole anche qua pezzo trascinante come pochi
is this love devo commentare? vedi still e sostituisci hard rock con ballad
children se non bastavano gli altri c'è il carico da 11 ready to roooock
bastano e avanzano questi ma che c'avete da criticare per favore :lol: :lol:
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 6028
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

Re: Spettatori

da 1984 » martedì 9 gennaio 2018, 14:32

curiosa la storia che Still venne ripresa da una demo che Coverdale registro' con Blackmore...o almeno così narra la leggenda...

ma guarda..quando si tratta di cambiamenti/formazione/genere/sonorità etc ci saranno sempre chi nn li accetta..chi così così e chi invece li apprezza moltissimo...sono molti i casi nella storia del rock...i Van Halen di Roth vs. quelli di Sammy Hagar i Marillion di Fish con queli di stev Hogarth...i Sabbath nel passaggio Ozzy/Dio/Gillan i Genesis di Gabriel e Collins o addirittura i Maiden di P.DiAnnno e Dickinson..
anche se il record lo detengono i Jethro tull che dal 79 al 87 hanno suonato ben 5 formazioni diverse...addirittura dopo l'uscita di Burn c'erano "detrattori" della MKIII...talmernte attaccati alla MKII grazie al successo di MIJ ...che nn aprrezzavano il cambio di genere...ed anche il cantante col vocione..proprio non gli andava giù...poi ognuno la vede e la sente come vuole...io per esempio discuto sempre sui Jethro Tull del tour di "A"...ho un bootleg audio HQ ( The Flute in the rock) e dico che forse a mio modeto avviso una delle migliori ( se non per certi aspetti forse la migliore) di sempre.. con Eddie Jobson (ex Frank Zappa e Roxy Music) tastiere e violino ...un live pazzesco..strepitoso...con duetti flauto violino da brivido...riarragiamenti e sonorita compltamente diverse dal tour del 79 e del 78 del Live Busrting Out ...eppure ...molti dei fan nn apprezzano..anzi ..parecchi disprezzano...
io però riguardo ai WS quando guardo live a Castle Donington dell'83...eh beh...tanta roba...tanta tanta roba...
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 362
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2009, 9:13

Re: Spettatori

da purpleangel » martedì 9 gennaio 2018, 18:41

E slide it in come lo vedete? se fosse uscito solo il mix usa vi farebbe cagare pure questo?
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 6028
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

Re: Spettatori

da nobody's home » martedì 9 gennaio 2018, 21:58

Per artificiale intendo troppo ricostruito a tavolino. Ribadisco però che nel suo genere 1987 è un grande album.Non mi sembra troppo spontaneo al contrario degli Lp precedenti degli WS. Ma è una opinione personale.Probabilmente anche influenzata dalla (evidente)ricostruzione dell'immagine di Coverdale legata a 1987.Quello che sopporto meno è il fatto di insistere ancora oggi a quasi 70 anni con un mprobabile look stile anni 80...
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 553
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: Spettatori

da nobody's home » martedì 9 gennaio 2018, 22:09

L'album live in the heart of the city dei WS lo considero un esempio di spontaneità.
I live degli ultimi anni..pur acquistandoli. .dopo poco sanno di artificiale..Un po meglio il Live at Donington del 1990...A proposito di spettatori in quel periodo cmq i WS facevano il mazzo ai Purple..
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 553
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: Spettatori

da silvano » mercoledì 10 gennaio 2018, 4:07

Questo topic è sfociato in uno dei più clamorosi OT di sempre :lol:
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1262
Iscritto il: sabato 26 marzo 2005, 23:24

Re: Spettatori

da 1984 » mercoledì 10 gennaio 2018, 12:30

nobody's home ha scritto:L'album live in the heart of the city dei WS lo considero un esempio di spontaneità.
I live degli ultimi anni..pur acquistandoli. .dopo poco sanno di artificiale..Un po meglio il Live at Donington del 1990...A proposito di spettatori in quel periodo cmq i WS facevano il mazzo ai Purple..



vero..ma da 20 anni a questa parte sono gli Zii a fare il mazzo ai snakes ....la vita è una ruota che gira :D
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 362
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2009, 9:13

Re: Spettatori

da GIORGIO.MARCATO » mercoledì 10 gennaio 2018, 15:04

Se vogliamo tornare in topic, a me degli spettatori che fecero, facevano e fanno i Purple è sempre interessato pochissimo, quasi niente, giusto un motivo per farci due chiacchiere.
Per la mia esperienza, ho sempre trovato ai loro concerti bella gente, dai bambini ai vecchi, un clima piacevole e spalti/parterre pieni. A Forlì nel 93 c'era un'atmosfera magica, all'Arena 87 un pubblico infuocato, con Satriani uguale, con Morse magari meno calore ma era cambiato il pubblico, adesso metà segue il concerto col cellulare attivo, merda. Certo, loro stessi dicono che ad un certo punto, primi anni novanta, la gente cominciava a girar loro le spalle.
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4332
Iscritto il: domenica 13 dicembre 2009, 19:47
Località: Padova

Re: Spettatori

da fabio q » mercoledì 10 gennaio 2018, 15:14

purpleangel ha scritto:E slide it in come lo vedete? se fosse uscito solo il mix usa vi farebbe cagare pure questo?

slid it in è un album già di gran lunga inferiore ai precedenti...poi sinceramente, però non li ho originali, tutta sta differenza tra il mix usa e quello europa non ce la sento....sono proprio alcuni pezzi che sono proprio debolucci a livello di songwriting....per me l'apice l'hanno raggiunto con Come an' Get It, che insieme a ready an' willing rimangono i migliori di sempre
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5602
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Spettatori

da fabio q » mercoledì 10 gennaio 2018, 15:17

nobody's home ha scritto:L'album live in the heart of the city dei WS lo considero un esempio di spontaneità.
I live degli ultimi anni..pur acquistandoli. .dopo poco sanno di artificiale..Un po meglio il Live at Donington del 1990...A proposito di spettatori in quel periodo cmq i WS facevano il mazzo ai Purple..

Live fantastico, avevano un sound eccezionale.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5602
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Spettatori

da fabio q » mercoledì 10 gennaio 2018, 15:29

purpleangel ha scritto:A parte che a me crying e here piacciono di più su 1987 ma pure togliendole..rimangono:
still of the night che gli vuoi dire uno dei pezzi hard rock migliori di sempre
give me carica pazzesca, porca troia finestrino abbassato e a manetta pezzone
bad boys riffoni melodie da cantare a squarciagole anche qua pezzo trascinante come pochi
is this love devo commentare? vedi still e sostituisci hard rock con ballad
children se non bastavano gli altri c'è il carico da 11 ready to roooock
bastano e avanzano questi ma che c'avete da criticare per favore :lol: :lol:

still of the night uno dei riff più zeppeliniani della storia dell'hair metal, altro che hard rock...se quell'assolo di chitarra è hard rock, credo che abbiamo 2 concetti diversi di esso, mentre is this love mai piaciuta, ballad altamente stucchevole, il resto non ho altro da aggiungere quanto detto in precedenza, ossia 1987 non mi piace proprio a livello di suoni, la batteria fustino dash, le chitarre con quelle super scale ma con quel suono così "fino", lontano e riverberato, gli fanno mancare la potenza e quel suono sanguigno che manca proprio a questo genere musicale risultando molto freddo...sembrano suoni provenienti da pc più che da strumenti....come ripeto, trovo meno peggio il successore a livello di suoni
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5602
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Spettatori

da fabio q » mercoledì 10 gennaio 2018, 15:55

GIORGIO.MARCATO ha scritto:Se vogliamo tornare in topic, a me degli spettatori che fecero, facevano e fanno i Purple è sempre interessato pochissimo, quasi niente, giusto un motivo per farci due chiacchiere.
Per la mia esperienza, ho sempre trovato ai loro concerti bella gente, dai bambini ai vecchi, un clima piacevole e spalti/parterre pieni. A Forlì nel 93 c'era un'atmosfera magica, all'Arena 87 un pubblico infuocato, con Satriani uguale, con Morse magari meno calore ma era cambiato il pubblico, adesso metà segue il concerto col cellulare attivo, merda. Certo, loro stessi dicono che ad un certo punto, primi anni novanta, la gente cominciava a girar loro le spalle.

A ogni concerto che sono andato, ho trovato un pubblico sempre eterogeneo, dal pischello alla persona anziana, spesso anche donne, e più di una volta mi è capitato di sentire da queste persone anziane a fine concerto commenti entusiastici del tipo sono passati tanti anni e ancora suonano così...anche i 2 nuovi suonano da paura ecc...gente che in alcuni casi non li vedevano chissà da quando e che non conoscevano neanche Morse e Airey e sentire quei commenti fa un certo effetto...fa capire ancora di più, semmai ce ne fosse bisogno, che la band ancora va e alla grande, dando ancora maggiore conferma che i giudizi che diamo noi che siamo fan e li seguiamo sempre, non sono di parte.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5602
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Spettatori

da nobody's home » mercoledì 10 gennaio 2018, 16:52

A livello di spettatori probabilmente i WS negli USA ancora oggi superano i Purple ...del resto nel 2011 Forevermore ultimo cd in studio è cmq entrato nella Top 50 Billboard. ..Per il resto salvo (non sempre) l'era Turner..I Purple hanno cmq un pubblico più vasto...Come dite un po tutti molto eterogeneo...pensandoci bene gli spettatori di un concerto dei nostri ovvero un concerto di musicisti purtroppo in su con l'età sono forse i più eterogenei. ..certo la media età si è alzata tra il pubblico mantenendo cmq una parte di appassionati anche non necessariamente amanti del genere hard rock. Probabilmente attratti anche dalla qualità dei singoli musicisti.
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 553
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: Spettatori

da purpleangel » mercoledì 10 gennaio 2018, 16:57

silvano ha scritto:Questo topic è sfociato in uno dei più clamorosi OT di sempre :lol:


Sì ma almeno è tornata un po' di verve. Pure tu e il fratello che fine avete fatto??
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 6028
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

Re: Spettatori

da purpleangel » mercoledì 10 gennaio 2018, 16:59

fabio q ha scritto:
purpleangel ha scritto:A parte che a me crying e here piacciono di più su 1987 ma pure togliendole..rimangono:
still of the night che gli vuoi dire uno dei pezzi hard rock migliori di sempre
give me carica pazzesca, porca troia finestrino abbassato e a manetta pezzone
bad boys riffoni melodie da cantare a squarciagole anche qua pezzo trascinante come pochi
is this love devo commentare? vedi still e sostituisci hard rock con ballad
children se non bastavano gli altri c'è il carico da 11 ready to roooock
bastano e avanzano questi ma che c'avete da criticare per favore :lol: :lol:

still of the night uno dei riff più zeppeliniani della storia dell'hair metal, altro che hard rock...se quell'assolo di chitarra è hard rock, credo che abbiamo 2 concetti diversi di esso, mentre is this love mai piaciuta, ballad altamente stucchevole, il resto non ho altro da aggiungere quanto detto in precedenza, ossia 1987 non mi piace proprio a livello di suoni, la batteria fustino dash, le chitarre con quelle super scale ma con quel suono così "fino", lontano e riverberato, gli fanno mancare la potenza e quel suono sanguigno che manca proprio a questo genere musicale risultando molto freddo...sembrano suoni provenienti da pc più che da strumenti....come ripeto, trovo meno peggio il successore a livello di suoni


Boh per me i suoni sono perfetti per lo stile intrapreso. Slip invece mi sembra proprio più debole come album pochi pezzi degni di nota.
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 6028
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

Re: Spettatori

da nobody's home » mercoledì 10 gennaio 2018, 18:16

Il suono di 1987 dei WS per il genere è perfetto. ..Quello di House of blue Light purtroppo così così. .tornando al Topic. .Nel periodo Bolin nell'Est Asiatico i nostri hanno fatto numeri da paura nei concerti..probabilmente (anzi sicuramente) sfruttando la fama acquisita in precedenza.I numeri maggiori si hanno nella storia dei Purple tutte le prime volte del gruppo in un paese..di pari passo con l'entusiasmo..Vedere cosa accadeva nel tour in Polonia del 1996 a Katowice. .
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 553
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: Spettatori

da purpleangel » mercoledì 10 gennaio 2018, 18:28

nobody's home ha scritto:Il suono di 1987 dei WS per il genere è perfetto. ..Quello di House of blue Light purtroppo così così. .tornando al Topic. .Nel periodo Bolin nell'Est Asiatico i nostri hanno fatto numeri da paura nei concerti..probabilmente (anzi sicuramente) sfruttando la fama acquisita in precedenza.I numeri maggiori si hanno nella storia dei Purple tutte le prime volte del gruppo in un paese..di pari passo con l'entusiasmo..Vedere cosa accadeva nel tour in Polonia del 1996 a Katowice. .


Thobl a livello di suoni terribile per me il peggiore dall' 84 in poi. Anche live non è che andasse meglio blackmore in primis il suo suono e modo di suonare di quel periodo è quello che mi piace meno.
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 6028
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

PrecedenteProssimo

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti
cron