I Deep Purple e l'improvvisazione..

Notizie, curiosità, indiscrezioni e tanto altro sulle varie incarnazioni della band

Moderatori: Fabio, dipparl, Ranfa

Regole del forum

Clicca per leggere le Regole del Forum. L'importante comunque è: no insulti; no razzismo; no politica; no link a materiale protetto da copyright, bootleg compresi. Leggi anche le Domande Frequenti (FAQ) prima di postare. Nuovo nel forum? Presentati qui!

I Deep Purple e l'improvvisazione..

da GIORGIO.MARCATO » martedì 21 giugno 2011, 15:43

Stamattina in macchina ho ri-ascoltato la 'stratosferica' The Noise Abatement Society Tapes (from Fireball Remastered Edition 25th Anniversary, succo concentrato di Lord & Blackmore in veste di splendidi cazzeggiatori e improvvisatori. http://www.youtube.com/watch?v=oKuFkI1ZCZc

Mi è venuto voglia di aprire un ennesimo (mi scuso!) topic. Famosi per Smoke e Black Night, io i DP li amo perchè specialmente in un certo periodo improvvisavano, si fermavano, ripartivano, ti strappavano un sorriso ammirato, c'era molto umorismo insomma.

Non so, le riprese prima dei riff di Burn in Made in Europe, il walzer durante Lazy in MiJ, il duetto stellare di Strange Kind of Woman, quella sopra and many others.

Ma...cos'è l'improvvisazione? E' sempre sinonimo di qualità? E da dove viene questa tradizione? Rock and Roll? Altri come loro?
Ultima modifica di GIORGIO.MARCATO il mercoledì 22 giugno 2011, 20:15, modificato 1 volta in totale.
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4332
Iscritto il: domenica 13 dicembre 2009, 19:47
Località: Padova

Re: I Deep Purple, l'improvvisazione e il resto.

da Jon » martedì 21 giugno 2011, 16:40

Minchia che topic... apriti cielo!! :mrgreen:
dico solo una cosa, il concetto di improvvisazione parte dai melismi gregoriani (nono secolo d.c) se non addirittura dai greci, durante le rappresentazioni teatrali (tragedie) ma non si può sapere per certo, di loro non c'è rimasto nulla, giusto qualche scartoffia!! :wink:

generalmente parlando l'improvvisazione è sempre stata "usata" con parsimonia e senza nemmeno darle tanto importanza fino all'arrivo del jazz, quindi parliamo di un periodo lunghissimo

.... per il resto.... l'impro è un mondo infinito di meraviglie che vale la pena vivere anche se soffrendo un po'!! :)
I miei Tributi ai Deep Purple:
http://www.youtube.com/user/LuigiMontanaro2 :-({|=
Holy man
Holy man
 
Messaggi: 1944
Iscritto il: lunedì 28 giugno 2004, 17:40
Località: Italy

Re: I Deep Purple, l'improvvisazione e il resto.

da RatBatBlue95 » mercoledì 22 giugno 2011, 15:03

Interessantissimo topic Giorgio. Tutte discussioni sfiziose le tue, come ha detto Jon qualche settimana fa in un altro topic. 8) :)
Beh, i Deep hanno portato l'improvvisazione davvero a livelli estremi e di enorme qualità. Io dico sempre che l'amalgama musicale formato dai Nostri è difficile da trovare in qualsiasi altra band, quasi impossibile. Ovviamente i membri che hanno fatto la differenza e portato i DP verso quel meraviglioso mondo chiamato "improvvisazione" sono stati Blackmore e Lord, autentici Maestri di Musica con la M maiuscola, in grado di dilatare i brani addirittura intorno ai 45 minuti (alcune versioni di Wring That Neck lo dimostrano) grazie alle loro doti con lo strumento, roba da autentici virtuosi. Un gusto ed un cervello fuori dal comune per entrambi (grandiosa anche la sezione ritmica formata da Little Ian e Roger) che hanno permesso loro di offrirci brani memorabili come Flight of the Rat, Hard Lovin' Man, Space Truckin' ed altri, nati da alcune semplici jam sessions.
Riguardo all'improvvisazione in generale il discorso è ben più ampio. La prima band nella storia della musica rock che sviluppò un modo diverso di concepire la musica, offrendo estese improvvisazioni, cambi di tempo, variazioni di sequenze di accordi e quant'altro è stata quella dei Grateful Dead. I Grateful Dead sono stati fondamentali per l'evoluzione del rock psichedelico ma nel loro stile musicale c'era qualcosa in più. Incredibile varietà di generi (jazz, blues, folk e country) e estasianti esibizioni live dove Jerry Garcia faceva uscire ciò che voleva dalla sua chitarra. Hanno semplicemente segnato un'epoca e dato il via a ciò che oggi viene definito dai critici jam rock. Per chi non l'avesse ancora ascoltato consiglio il loro live del 1969 Live/Dead, uno dei migliori live di sempre contenente una grandiosa e prolungata versione di Dark Star (quasi 24 minuti), il loro capolavoro.
Ovviamente nei 70's si è avuta la completa diffusione del genere jam rock grazie a band storiche ed importanti come la Allman Brothers Band e i Ten Years After.
Negli anni 80 si è formata una delle migliori band per quanto riguarda il jam rock (nonché la mia preferita di sempre per quanto riguarda le jam assieme ai DP ed i Dead), i Phish.
Sono una band estremamente eclettica (jazz, metal, blues, acustica e tantissimo altro) che prende d'ispirazione artisti come gli stessi Grateful Dead e Frank Zappa rielaborando i loro insegnamenti ed offrendo jam sessions a dismisura. Sono capitanati da quel pazzo, genio e visionario di Trey Anastasio, grandissimo chitarrista estremamente eclettico e con uno stile unico. Comunque tutti i membri sono musicisti assolutamente mostruosi.
Ovviamente il loro meglio lo danno nella dimensione live. Credetemi, creano un'amalgama incredibile insieme che ho visto in pochissime altre band.
Addirittura hanno avuto il record di durata per un loro singolo live, ora non ricordo con precisione ma era davvero roba da Guinness! :shock:
Inoltre sono stati invitati a jammare da artisti importantissimi come Les Claypool, Neil Young, Bruce Springsteen, Carlos Santana e tanti altri. Per me sono una tra le migliori band degli ultimi trent'anni. Il loro miglior album è A Picture of Nectar del 1992, album capolavoro molto variegato e quasi unico che consiglio a tutti. Ecco alcuni brani che mostrano la loro genialità:
http://www.youtube.com/watch?v=1DItyAiiV20& (funk)
http://www.youtube.com/watch?v=tUysVldCa4M (boogie rock)
http://www.youtube.com/watch?v=C-MSysORmPc (country)
http://www.youtube.com/watch?v=D1DGRVNHHMs& (latin rock)
http://www.youtube.com/watch?v=tQCq19GdX1k& (jazz)
http://www.youtube.com/watch?v=c2-Tf4T1r2s (bellissima jam session)
Dategli un ascolto, chi ama le jam troverà in loro la perfezione. :wink:
Oggi è più difficile trovare band del genere, dato che i tempi sono cambiati, ma alcuni gruppi affermati come i Primus, i Black Crowes, i Gov't Mule, la Derek Trucks Band ed i Drive-by Truckers ci portano indietro nel tempo. Meno male che c'è ancora qualche speranza per il rock odierno!
Ultima modifica di RatBatBlue95 il domenica 26 giugno 2011, 11:49, modificato 8 volte in totale.
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da GIORGIO.MARCATO » mercoledì 22 giugno 2011, 21:29

Rat, dì la verità, tu hai 60 anni e sei Carlo Massarini in alias.

.... l'improvvisazione, la variazione sul tema, mi pare frutto chiaramente di una grandissima preparazione di base, di una cultura musicale vasta, ma anche di un periodo storico purtroppo ormai un po' superato.
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4332
Iscritto il: domenica 13 dicembre 2009, 19:47
Località: Padova

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da RatBatBlue95 » giovedì 23 giugno 2011, 9:21

GIORGIO.MARCATO ha scritto:Rat, dì la verità, tu hai 60 anni e sei Carlo Massarini in alias.

.... l'improvvisazione, la variazione sul tema, mi pare frutto chiaramente di una grandissima preparazione di base, di una cultura musicale vasta, ma anche di un periodo storico purtroppo ormai un po' superato.

Ebbene sì, mi hai scoperto! :mrgreen: :lol:
A parte gli scherzi, sono d'accordo che l'improvvisazione sia sinonimo di grandissima preparazione musicale ma non mi trovi d'accordissimo sull'ultimissima opinione.
Come dicevo nell'altro mio messaggio, gli anni 70 hanno visto la completa fioritura del genere jam rock e chiedere qualcosa di simile a quello che si è visto (e soprattutto sentito) in quegli anni è una forzatura. I tempi sono cambiati molto velocemente, forse troppo. Ma davvero ci sono un sacco di band al giorno d'oggi che mostrano davvero come si suona e si jamma, basta cercare con attenzione. :wink:
Ad esempio Giorgio, ascoltati quando puoi questa meravigliosa e groovosa jam dei Phish (assieme a quello che ho postato prima, sono un malato di questa band di geni) e noterai come, per un momento, si possa tornare indietro negli anni e riassaporare quell'atmosfera particolare che porta a concepire canzoni nate da ispirate e prolungate jam sessions:
http://www.youtube.com/watch?v=7Ncn78LSHHc
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da Jon » giovedì 23 giugno 2011, 12:58

RatBatBlue95 ha scritto:Ad esempio Giorgio, ascoltati quando puoi questa meravigliosa e groovosa jam dei Phish (assieme a quello che ho postato prima, sono un malato di questa band di geni) e noterai come, per un momento, si possa tornare indietro negli anni e riassaporare quell'atmosfera particolare che porta a concepire canzoni nate da ispirate e prolungate jam sessions:
http://www.youtube.com/watch?v=7Ncn78LSHHc


Davvero ti piacciono così tanto, Rat? :)
almeno da questo pezzo li trovo abbastanza noiosetti, non sono riuscito ad assaporare niente!!! :mrgreen:
sì, alcune cosette sono interessanti ma sono trite e ritrite...
fanno sempre effetto ma se suonate senza una progressione dinamica del pezzo prima di parlare proprio del gruppo risulta "banale" e anche scontata, proprio il concetto contrario dell'improvvisazione...
(apparte che di improvvisato mi sembra non ci fosse niente, voglio dire, solo gli assoli ma il pezzo è quello, ha una struttura "solida"... magari mi sbaglio)

comunque per la miseria e che scenografia da paura che ci sta!!
quanto cacchio avranno speso? xD
le luci poi sono fantastiche, ci sonoa altri video in cui sembra ci sia il sole stesso in quel posto, che meraviglia!! =D>
(servono quasi gli occhiali da sole, eheh!! 8) )
I miei Tributi ai Deep Purple:
http://www.youtube.com/user/LuigiMontanaro2 :-({|=
Holy man
Holy man
 
Messaggi: 1944
Iscritto il: lunedì 28 giugno 2004, 17:40
Località: Italy

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da RatBatBlue95 » giovedì 23 giugno 2011, 13:10

Jon ha scritto:Davvero ti piacciono così tanto, Rat? :)
almeno da questo pezzo li trovo abbastanza noiosetti, secondo me c'è molto di meglio...
(apparte che di improvvisato mi sembra non ci fosse niente, voglio dire, solo gli assoli ma il pezzo è quello.. magari mi sbaglio)

comunque per la miseria e che scenografia da paura che ci sta, quanto cacchio avranno speso? xD
le luci poi sono fantastiche!! 8)

Altro che semplice piacere Jon, li adoro completamente! :mrgreen:
Ribadisco che ho sentito pochissime band jammare come fanno loro. Alcuni pezzi vengono proprio reinventati, ovviamente dovresti ascoltare anche le versioni in studio per renderti conto di questo cambiamento. I Phish sono i miei preferiti per quanto riguarda le improvvisazioni, assieme ai DP ed ai Dead. Pochi gruppi hanno l'intelligenza musicale di questi Maestri e la capacità di dilatare i brani senza mai annoiare (per quanto mi riguarda).
Ascolta qui (oltre agli altri video che ho linkato nel mio primo post) e fammi sapere:
http://www.youtube.com/watch?v=cWT6DB0oAjQ
http://www.youtube.com/watch?v=4YK_XPZ_Xhg
http://www.youtube.com/watch?v=J0Sf8lOdGRw
http://www.youtube.com/watch?v=ddJV1hKMZ7A
http://www.youtube.com/watch?v=E4tFX51imvQ
http://www.youtube.com/watch?v=W4QwWj9XTbI
Ultima modifica di RatBatBlue95 il giovedì 23 giugno 2011, 14:22, modificato 5 volte in totale.
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da skip75 » giovedì 23 giugno 2011, 13:12

ho già espresso questo mio pensiero ( con relative conseguenze :mrgreen: ), ma io sono del parere che in fatto di improvvisazione e reinterpretazione delle canzoni in ogni concerto la band di rory gallagher dal 1973 al 1975 ( lou martin alle keyboards, rod de'ath alla batteria ed il gande gerry mcavoy al basso)non avrà mai eguali, manco i deep purple.......
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 1819
Iscritto il: mercoledì 14 febbraio 2007, 13:53
Località: campidano's lowland,sardegna

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da bluto » giovedì 23 giugno 2011, 14:36

RatBatBlue95 ha scritto:
Jon ha scritto:Davvero ti piacciono così tanto, Rat? :)
almeno da questo pezzo li trovo abbastanza noiosetti, secondo me c'è molto di meglio...
(apparte che di improvvisato mi sembra non ci fosse niente, voglio dire, solo gli assoli ma il pezzo è quello.. magari mi sbaglio)

comunque per la miseria e che scenografia da paura che ci sta, quanto cacchio avranno speso? xD
le luci poi sono fantastiche!! 8)

Altro che semplice piacere Jon, li adoro completamente! :mrgreen:
Ribadisco che ho sentito pochissime band jammare come fanno loro. Alcuni pezzi vengono proprio reinventati, ovviamente dovresti ascoltare anche le versioni in studio per renderti conto di questo cambiamento. I Phish sono i miei preferiti per quanto riguarda le improvvisazioni, assieme ai DP ed ai Dead. Pochi gruppi hanno l'intelligenza musicale di questi Maestri e la capacità di dilatare i brani senza mai annoiare (per quanto mi riguarda).
Ascolta qui (oltre agli altri video che ho linkato nel mio primo post) e fammi sapere:
http://www.youtube.com/watch?v=cWT6DB0oAjQ
http://www.youtube.com/watch?v=4YK_XPZ_Xhg
http://www.youtube.com/watch?v=J0Sf8lOdGRw
http://www.youtube.com/watch?v=ddJV1hKMZ7A
http://www.youtube.com/watch?v=E4tFX51imvQ
http://www.youtube.com/watch?v=W4QwWj9XTbI


Non conoscevo questi Phish, ma dai video che hai linkato mi sembrano decisamente validi. Mi pare un bel miscuglio di stili, dal blues al jazz, dalla psichedelia al funky. Credo proprio che mi procurerò la discografia e li studierò x bene....
Avatar utente
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 566
Iscritto il: venerdì 1 aprile 2005, 23:39
Località: Torino

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da RatBatBlue95 » giovedì 23 giugno 2011, 15:25

bluto ha scritto:Non conoscevo questi Phish, ma dai video che hai linkato mi sembrano decisamente validi. Mi pare un bel miscuglio di stili, dal blues al jazz, dalla psichedelia al funky. Credo proprio che mi procurerò la discografia e li studierò x bene....

Non te ne pentirai, vedrai! :wink:
Ultima modifica di RatBatBlue95 il giovedì 23 giugno 2011, 19:22, modificato 1 volta in totale.
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da RatBatBlue95 » giovedì 23 giugno 2011, 19:11

Potresti cominciare dall'album A Picture of Nectar e dal live A Live One. :wink:
Ultima modifica di RatBatBlue95 il venerdì 1 luglio 2011, 16:38, modificato 2 volte in totale.
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da DanieleZ » giovedì 23 giugno 2011, 21:16

Ti sei dimenticato di citare, nel tuo ottimo post dove parli di mprovvisazione, una band che nel Rock ha aperto porte enormi a questa espressione musicale, e lo ha fatto fra i primi, a quel livello: i Cream. Basta ascoltare le versioni dei loro brani dal in studio e poi dal vivo, per capire quanto in questa dimensione non solo migliorassero, ma quanto venissero dilatati e stravolti. Maestri assoluti.
perepepè
Avatar utente
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4169
Iscritto il: venerdì 13 maggio 2005, 21:46
Località: Verona - Italia

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da dagliStates » giovedì 23 giugno 2011, 23:18

Concordo!

Wheels of fire per credere!

Alex
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2504
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da RatBatBlue95 » domenica 26 giugno 2011, 11:54

DanieleZ ha scritto:Ti sei dimenticato di citare, nel tuo ottimo post dove parli di mprovvisazione, una band che nel Rock ha aperto porte enormi a questa espressione musicale, e lo ha fatto fra i primi, a quel livello: i Cream. Basta ascoltare le versioni dei loro brani dal in studio e poi dal vivo, per capire quanto in questa dimensione non solo migliorassero, ma quanto venissero dilatati e stravolti. Maestri assoluti.

Giustissimo Daniele, hai detto tutto benissimo come al solito. :wink:
dagliStates ha scritto:Concordo!

Wheels of fire per credere!

Alex

Grandissimo Live at the Fillmore, Spoonful è qualcosa d'incredibile e godurioso. :D
Qualcuno ha altri suggerimenti? :)
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da dagliStates » domenica 26 giugno 2011, 14:00

RatBatBlue95 ha scritto:
bluto ha scritto:Non conoscevo questi Phish, ma dai video che hai linkato mi sembrano decisamente validi. Mi pare un bel miscuglio di stili, dal blues al jazz, dalla psichedelia al funky. Credo proprio che mi procurerò la discografia e li studierò x bene....

Non te ne pentirai, vedrai! :wink:



Veramente un gruppo interessantisimo!!!
Purtroppo sono venuti qui vicino a suonare, ma io non ero qui...
(peraltro hanno fatto due sold out)

Ma la considerazione che mi viene e':
come potrebbe un gruppo cosi' sopravvivere in Italia?

In quale locali li farebbero esibire?
Ogni pezzo è una piccola gemma, ma sono lunghissimi.
"e a gente non balla, e se non balla non suda e se non suda non spende, che li faccio suonare a fare?"
Tristezza....

Ottimi comunque, grazie RatBatBlue.

Alex
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2504
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da RatBatBlue95 » domenica 26 giugno 2011, 15:08

dagliStates ha scritto:Veramente un gruppo interessantisimo!!!
Purtroppo sono venuti qui vicino a suonare, ma io non ero qui...
(peraltro hanno fatto due sold out)

Ma la considerazione che mi viene e':
come potrebbe un gruppo cosi' sopravvivere in Italia?

In quale locali li farebbero esibire?
Ogni pezzo è una piccola gemma, ma sono lunghissimi.
"e a gente non balla, e se non balla non suda e se non suda non spende, che li faccio suonare a fare?"
Tristezza....

Ottimi comunque, grazie RatBatBlue.

Alex

Grande Alex! Anche a te piacciono! :mrgreen:
Sono veramente dei grandissimi, mi sono stupito nel vedere che non c'era ombra di piccola discussione su di loro nel forum così ho pensato di cominciare io! :)
Ti consiglio di approfondire, troverai certe perle nascoste di una qualità musicale eccelsa per raffinatezza ed ecletticità. Comincia con l'album A Picture of Nectar ed il live A Live One (secondo il mio parere uno dei più grandi live di sempre)... :wink:
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da Asso_982 » lunedì 4 luglio 2011, 10:50

peccato che da quando non ci sono più Blackmore e Lord nei live l'improvvisazione manchi completamente...
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1192
Iscritto il: sabato 30 giugno 2007, 15:26

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da RatBatBlue95 » martedì 6 settembre 2011, 9:38

Rispolvero questo topic per linkarvi una colossale jam session in studio (l'album in cui si trova la canzone in questione lo stavo rispolverando ieri dopo un sacco di tempo) di ben 26 minuti da parte di uno dei miei gruppi prog preferiti: http://www.youtube.com/watch?v=GIMRzSA3MCk&
Quando avete un po' di tempo dategli un'ascoltatina, scoprirete (per chi non lo conosce) un brano semplicemente epico! =D>
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da purpleangel » martedì 6 settembre 2011, 18:39

In tutta sinceritá..le improvvisazioni, soprattutto quando improvvisa uno strumento alla volta, mi annoiano. Se vado ad un concerto invece che 20 minuti di soli etc etc preferisco sentirmi altre 4 canzoni.
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 6028
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da Fabio » mercoledì 7 settembre 2011, 23:38

purpleangel ha scritto:In tutta sinceritá..le improvvisazioni, soprattutto quando improvvisa uno strumento alla volta, mi annoiano. Se vado ad un concerto invece che 20 minuti di soli etc etc preferisco sentirmi altre 4 canzoni.

Nel caso delle improvvisazioni esasperate sono d'accordo, soprattutto quando suonano uno per volta. In passato sono stato costretto ad assistere ad un concerto jazz interamente strutturato in questo modo, una martellata nei coglioni allucinante.
L'ideale di improvvisazione per me è quella di Catch the Rainbow o Child in Time.
In ogni caso un po' di improvvisazione dal vivo ci vuole, altrimenti i live diventano inutili. E' un aspetto dell'heavy metal che non mi piace, se lo paragono agli anni '70.
Thank you Ronnie, thank you so much.
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 6484
Iscritto il: domenica 2 novembre 2003, 12:09
Località: Somewhere Over The Rainbow

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da dagliStates » mercoledì 7 settembre 2011, 23:48

Oggi mentre mi spostavo in Trentino di ritorno da Leicester mi sono sentito
il Live in Stuttgart 1993 dei Purple...
e pensavo proprio a quanto i Purple siano unici nell'improvvisazione+arrangiamenti Live.
Ne abbiamo parlato per Space Truckin', se ne potrebbe parlare per ore.

I cugini Zeppelin se le sognavano le genialita' Live dei Purple....
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2504
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da Strange Kind of Woman » mercoledì 7 settembre 2011, 23:56

Fabio ha scritto:Nel caso delle improvvisazioni esasperate sono d'accordo, soprattutto quando suonano uno per volta. In passato sono stato costretto ad assistere ad un concerto jazz interamente strutturato in questo modo, una martellata nei coglioni allucinante.
L'ideale di improvvisazione per me è quella di Catch the Rainbow o Child in Time.
In ogni caso un po' di improvvisazione dal vivo ci vuole, altrimenti i live diventano inutili. E' un aspetto dell'heavy metal che non mi piace, se lo paragono agli anni '70.


Pòta s-cècc!

Scusate, parlavo aborigeno...
Non tutti hanno l'abilità e l'animus per certe prodezze, è tutta forza in più, basta non esasperare.

Gli anni '70 hanno dato il meglio, me compresa 8)
Avatar utente
Speed King
Speed King
 
Messaggi: 779
Iscritto il: martedì 19 luglio 2011, 15:40
Località: Nowhere, Now Here

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da Strange Kind of Woman » giovedì 8 settembre 2011, 0:03

dagliStates ha scritto:Oggi mentre mi spostavo in Trentino di ritorno da Leicester mi sono sentito il Live in Stuttgart 1993 dei Purple... e pensavo proprio a quanto i Purple siano unici nell'improvvisazione+arrangiamenti Live.
Ne abbiamo parlato per Space Truckin', se ne potrebbe parlare per ore.

I cugini Zeppelin se le sognavano le genialita' Live dei Purple....


OT: Se, pròpe, m'le sògne i genialità, e pò àch ol Trentino, diaòl ladro, fét apòsta nèh?!?

Per i non aborigeni gli ho scritto invidiosamente che sì, me le sogno le genialità e anche il Trentino (anche se preferisco il Süd-Tirol).
[Tranquilli, non mi risponde, è permalosissimo per la storia della scimmia precedente :-# ](*,) ....... E perdonami!]
Avatar utente
Speed King
Speed King
 
Messaggi: 779
Iscritto il: martedì 19 luglio 2011, 15:40
Località: Nowhere, Now Here

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da RatBatBlue95 » giovedì 8 settembre 2011, 9:30

Fabio ha scritto:
purpleangel ha scritto:In tutta sinceritá..le improvvisazioni, soprattutto quando improvvisa uno strumento alla volta, mi annoiano. Se vado ad un concerto invece che 20 minuti di soli etc etc preferisco sentirmi altre 4 canzoni.

Nel caso delle improvvisazioni esasperate sono d'accordo, soprattutto quando suonano uno per volta. In passato sono stato costretto ad assistere ad un concerto jazz interamente strutturato in questo modo, una martellata nei coglioni allucinante.
L'ideale di improvvisazione per me è quella di Catch the Rainbow o Child in Time.
In ogni caso un po' di improvvisazione dal vivo ci vuole, altrimenti i live diventano inutili. E' un aspetto dell'heavy metal che non mi piace, se lo paragono agli anni '70.

Invece a me i concerti jazz strutturati in quel modo (diciamo quindi la maggior parte) piacciono parecchio. Diventa noioso se non si ha molta familiarità con quel tipo di sonorità ma, per me, un concerto jazz è sempre goduria pura!
Non a caso ho postato, in precedenza, un pezzo meraviglioso dei Focus intitolato Anonymus 2 che ricalca incredibilmente il modo di approcciarsi sullo strumento da parte dei giganti del jazz (soprattutto da parte di van Leer, il cantante/compositore/flautista/organista, e Akkerman, il chitarrista). Il risultato, secondo me, è strabiliante.
Riguardo all'improvvisazione nell'heavy metal, bisogna dire, secondo me, che nel metal c'è sempre stata meno libertà per le jam, rispetto ad altri generi come l'hard rock o blues rock. Basti pensare al live Unleashed in the East dei Judas Priest, per chi scrive il primo vero album live di puro metallo pesante. In quest'album, che poi in un certo senso definirà il modo di approcciarsi nei live per miriadi di metal bands, manca del tutto l'improvvisazione (solo Genocide mostra qualcosina ma davvero troppo poco). Ora, questo è solo un esempio ma onestamente non mi vengono in mente brani dilatati grazie ad improvvisazioni varie da parte di gruppi metal nei live.
Ultima modifica di RatBatBlue95 il giovedì 8 settembre 2011, 10:07, modificato 1 volta in totale.
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: I Deep Purple e l'improvvisazione..

da DanieleZ » giovedì 8 settembre 2011, 9:58

Infatti l'Heavy Metal nega l'improvvisazione dal vivo, ragione per cui preferisco l'approccio Seventies.
Per quanto riguarda il Jazz è essenzialmente basato sull'improvvisazione, non credo sia neppure concepibile senza di essa, però è un genere di cui, non certo per questa ragione, non ho mai capito un beato cazzo, e mi fa venire una certa orchite. Me ne dispiaccio e mi rendo conto che è un mio limite, ma è così.
In ogni caso credo che per certi generi sia fondamentale e per nulla impaccante (una Mountain Jam degli Allman Brothers è pura goduria!), per altri non avrebbe alcun senso. Insomma, i Ramones che avessero fatto lunghe jam, come dire...
perepepè
Avatar utente
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4169
Iscritto il: venerdì 13 maggio 2005, 21:46
Località: Verona - Italia

Prossimo

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 23 ospiti
cron