I Deep Purple e gli States

Notizie, curiosità, indiscrezioni e tanto altro sulle varie incarnazioni della band

Moderatori: Fabio, dipparl, Ranfa

Regole del forum

Clicca per leggere le Regole del Forum. L'importante comunque è: no insulti; no razzismo; no politica; no link a materiale protetto da copyright, bootleg compresi. Leggi anche le Domande Frequenti (FAQ) prima di postare. Nuovo nel forum? Presentati qui!

Re: I Deep Purple e gli States

da kronos » domenica 7 aprile 2019, 8:22

GIORGIO.MARCATO ha scritto:Beh, applaudo quanto ha scritto dagliStates e il fatto che finalmente!! sei rientrato in casa Kronos.
Direi che questo supera (seppur di poco...) il California Jam.
=D> =D> =D>


Grazie Giorgio!
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2698
Iscritto il: domenica 12 febbraio 2006, 18:42

Re: I Deep Purple e gli States

da Ranfa » mercoledì 10 aprile 2019, 21:37

un abbraccione Kronos!!!!!
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 17331
Iscritto il: venerdì 5 dicembre 2003, 1:42
Località: Firenze - Italia

Re: I Deep Purple e gli States

da kronos » giovedì 11 aprile 2019, 17:24

Ranfa ha scritto:un abbraccione Kronos!!!!!


Grazie mitico Ranfa!
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2698
Iscritto il: domenica 12 febbraio 2006, 18:42

Re: I Deep Purple e gli States

da dagliStates » venerdì 12 aprile 2019, 5:49

Ero a l'Aquila l'estate scorsa e anche all'ultimo dell'anno. Città bellissima, quanto ancora assurdamente ferita...

Sono contento per te, Kronos!

Alex
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2501
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: I Deep Purple e gli States

da kronos » venerdì 12 aprile 2019, 10:07

dagliStates ha scritto:Ero a l'Aquila l'estate scorsa e anche all'ultimo dell'anno. Città bellissima, quanto ancora assurdamente ferita...

Sono contento per te, Kronos!

Alex


se torni una prossima volta fammelo sapere, così ci incontriamo (e magari organizzo anche una serata Purple)...Ciao!
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2698
Iscritto il: domenica 12 febbraio 2006, 18:42

Re: I Deep Purple e gli States

da dagliStates » domenica 14 aprile 2019, 15:10

Volentierissimo.
Per un montanaro bergamasco, L'Aquila è uno spettacolo. E poi il legame Aquila Rugby - Atalanta era sacro :)

Ho colleghi e amici che lavorano li, quindi è probabile che ci torni, ti faccio sapere!

Alex
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2501
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: I Deep Purple e gli States

da kronos » lunedì 15 aprile 2019, 18:44

dagliStates ha scritto:Volentierissimo.
Per un montanaro bergamasco, L'Aquila è uno spettacolo. E poi il legame Aquila Rugby - Atalanta era sacro :)

Ho colleghi e amici che lavorano li, quindi è probabile che ci torni, ti faccio sapere!

Alex


Benissimo. ciao!
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2698
Iscritto il: domenica 12 febbraio 2006, 18:42

Re: I Deep Purple e gli States

da nobody's home » martedì 6 agosto 2019, 12:41

Da poco circola Smoke on the water dal Giants Stadium nel 1988 .Esiste anche uno spezzone di Child in time.Che abbiano filmato il concerto intero?
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 551
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: I Deep Purple e gli States

da 1984 » venerdì 9 agosto 2019, 18:05

nobody's home ha scritto:Da poco circola Smoke on the water dal Giants Stadium nel 1988 .Esiste anche uno spezzone di Child in time.Che abbiano filmato il concerto intero?


guada..io credo che abbiano filmato e registrato di tutto e di più...solo che spesso le case discografiche nn facevano uscire...e parlo di materiale ufficiale...per esempio adesso gira sul tubo anche un live ufficiale per intero dell'85 live in usa alpine valley 1985....ma per esmpio ho trovato materile ufficiale dei tour dei maiden del somewhere in time tour 86 ( quello dell'88 di seventh dell'88 anni fa lo fecero uscire circa nel 2006 o 2007 ....credo dei Purple ci sia di tutto di più...se pensiamo che nn fecero uscire nessun live ufficiale dopo la reunion dell'84 fino a qualche anno fa....girava solo in the absent of pink.... nn se capisce ..nn se spiega...io vorrei avere un live audio e video per ogni tour anzi anche più di 1...a sto punto visto che dell'85 ne ho 3 parigi -sidney -alpine valley usa li vorrei dell'87 e 88....speriamo che qualche anima santa lo pubblichi... c'è da dire che tranne gli Zeppelin il cui manager era veramente cazzuto ( 3 video live interi negli anni 70) anche altri gruppi hanno avuto lo stesso limite...comunque fortuna sul tubo si trovno cose anche uficiali introvabili...da poco ho scoperto Three side live Genesis video, si certo periodo elettor pop..ma però..tanta tanta roba...
tutti i grandi gruppi avrebbero dovuto filmare tutti i tour...penso ai J.Tull...che cambiavano sovente formazione formazione sonorità e arragiamenti....dal 78 al 93 ed anche dopo nn hanno filmato o hanno filamto poco e male ( slipstream ..per esempio)...comunque cercate sul tubo periodicamente..sta roba compare e scompare e ricompare....potreste avere gradite sorprese...il materiale c'è..eccome se c'è!! p.s. scusate se me so' dilungato....
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 361
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2009, 9:13

Re: I Deep Purple e gli States

da Asso_982 » sabato 10 agosto 2019, 16:19

Secondo me esiste senza alcun dubbio la registrazione intera del concerto al Giants Stadium, come esisterà di tantissimi altri live dei DP, di cui però non siamo a conoscenza.
Parlando del tour della reunion, credo che molte volte semplicemente i master originali delle registrazioni sono stati persi, o comunque archiviati chissà dove, o addirittura non c'è alcun interesse a tirarli fuori.
Sulla pubblicazione dei live poi credo che ci siano discorsi un po' più complessi, prima di tutto economici.
Se poi pensiamo che fino a qualche anno fa gli unici live ufficiali pubblicati in video dei DP MK II post reunion sono stati quelli di Parigi '85 (con Gillan senza voce) e il famigerato Come Hell Or High Water, si capisce ancora una volta di più perché il management di questa band non gode assolutamente della nostra stima.
Per fortuna è uscito di recente il Live in Australia dell'84, che se non altro rende giustizia ad un periodo bello ed importante nella storia dei Deep Purple e del rock in generale.
La cosa di cui sono sicuro è che di materiale live da pubblicare ce ne sia veramente tanto, e quando i nostri si ritireranno dalle scene, speriamo il più tardi possibile, noi nostalgici non vedremo l'ora che di tanto in tanto ci venga "dato in pasto" qualcosa di inedito, e magari le case discografiche aspettano, giocando proprio su questo fattore.
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1191
Iscritto il: sabato 30 giugno 2007, 15:26

Re: I Deep Purple e gli States

da nobody's home » sabato 10 agosto 2019, 19:44

Da tenere presente che il live a Parigi del 1985 non è ufficiale ma riprende la diretta tv di allora.Dalla reunion del 1984 in poi il primo video live ufficiale è Come Hell or.High Water..come non essere d'accordo sulla scarsa gestione di immagine della band..oltretutto manifestata nel campo dove sono più forti ovvero dal vivo.
L'auspicio è che esca il maggior materiale live possibile..anche delle mk meno stabili (es: con Satriani..)
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 551
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: I Deep Purple e gli States

da Asso_982 » sabato 10 agosto 2019, 21:24

nobody's home ha scritto:Da tenere presente che il live a Parigi del 1985 non è ufficiale ma riprende la diretta tv di allora.Dalla reunion del 1984 in poi il primo video live ufficiale è Come Hell or.High Water..come non essere d'accordo sulla scarsa gestione di immagine della band..oltretutto manifestata nel campo dove sono più forti ovvero dal vivo.
L'auspicio è che esca il maggior materiale live possibile..anche delle mk meno stabili (es: con Satriani..)


Parecchi anni fa uscì un live composto da spezzoni presi da vari concerti intitolato "Around the world 95-99". Se non ricordo male le riprese erano tutte professionali, il che mi fa pensare che quantomeno quei concerti vennero registrati per intero.
Allo stesso modo sul DVD autobiografico di Gillan si vedono spezzoni di concerti ripresi sia in modo amatoriale, sia in modo professionale.
Ho tirato fuori questi esempi per dire che secondo me di materiale live inedito ce n'è tantissimo, sicuramente anche dell'era Satriani.
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1191
Iscritto il: sabato 30 giugno 2007, 15:26

Re: I Deep Purple e gli States

da 1984 » martedì 20 agosto 2019, 12:54

nobody's home ha scritto:Da tenere presente che il live a Parigi del 1985 non è ufficiale ma riprende la diretta tv di allora.Dalla reunion del 1984 in poi il primo video live ufficiale è Come Hell or.High Water..come non essere d'accordo sulla scarsa gestione di immagine della band..oltretutto manifestata nel campo dove sono più forti ovvero dal vivo.
L'auspicio è che esca il maggior materiale live possibile..anche delle mk meno stabili (es: con Satriani..)


se ti può interessare sul tubo c'è - deep purple live Saarbrucken 1994 ..tanta roba ...nn sarà ufficiale ma intero concerto e buono video audio .. ..davvero godibile....oltre la media per un bootleg video
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 361
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2009, 9:13

Re: I Deep Purple e gli States

da nobody's home » martedì 20 agosto 2019, 13:37

1984 ha scritto:
nobody's home ha scritto:Da tenere presente che il live a Parigi del 1985 non è ufficiale ma riprende la diretta tv di allora.Dalla reunion del 1984 in poi il primo video live ufficiale è Come Hell or.High Water..come non essere d'accordo sulla scarsa gestione di immagine della band..oltretutto manifestata nel campo dove sono più forti ovvero dal vivo.
L'auspicio è che esca il maggior materiale live possibile..anche delle mk meno stabili (es: con Satriani..)


se ti può interessare sul tubo c'è - deep purple live Saarbrucken 1994 ..tanta roba ...nn sarà ufficiale ma intero concerto e buono video audio .. ..davvero godibile....oltre la media per un bootleg video


Si lo conosco..i concerti fatti con Satriani furono tutti di alto livello compresi quelli in Italia...peccato che non si sia concretizzato un album in studio..quella con Satriani è l'unica Mark dei Purple senza album in studio ...sembra x motivi contrattuali dal momento che dal vivo legavano alla grande.
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 551
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: I Deep Purple e gli States

da 1984 » mercoledì 21 agosto 2019, 8:35

nobody's home ha scritto:
1984 ha scritto:
nobody's home ha scritto:Da tenere presente che il live a Parigi del 1985 non è ufficiale ma riprende la diretta tv di allora.Dalla reunion del 1984 in poi il primo video live ufficiale è Come Hell or.High Water..come non essere d'accordo sulla scarsa gestione di immagine della band..oltretutto manifestata nel campo dove sono più forti ovvero dal vivo.
L'auspicio è che esca il maggior materiale live possibile..anche delle mk meno stabili (es: con Satriani..)


se ti può interessare sul tubo c'è - deep purple live Saarbrucken 1994 ..tanta roba ...nn sarà ufficiale ma intero concerto e buono video audio .. ..davvero godibile....oltre la media per un bootleg video


Si lo conosco..i concerti fatti con Satriani furono tutti di alto livello compresi quelli in Italia...peccato che non si sia concretizzato un album in studio..quella con Satriani è l'unica Mark dei Purple senza album in studio ...sembra x motivi contrattuali dal momento che dal vivo legavano alla grande.


si confermo...satriani sarebbe restato volentieri ... e mi sarebbe piaciuto molto un album con lui...la carriera solista nn mi fa impazzire..l'ho visto 2 volte ma seppur un mostro un po' la sua roba mi annoia..mentre con gli zii cresce e mi acchiappa notevolmente...putroppo i contratti con la SONY, mi sembra, impedirono il matrimonio...ma fu proprio lui a consigliare Morse...comunque il live sul tubo perquanto bootleg è strepitoso...
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 361
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2009, 9:13

Re: I Deep Purple e gli States

da nobody's home » mercoledì 21 agosto 2019, 14:35

1984 ha scritto:
nobody's home ha scritto:
1984 ha scritto:
nobody's home ha scritto:Da tenere presente che il live a Parigi del 1985 non è ufficiale ma riprende la diretta tv di allora.Dalla reunion del 1984 in poi il primo video live ufficiale è Come Hell or.High Water..come non essere d'accordo sulla scarsa gestione di immagine della band..oltretutto manifestata nel campo dove sono più forti ovvero dal vivo.
L'auspicio è che esca il maggior materiale live possibile..anche delle mk meno stabili (es: con Satriani..)


se ti può interessare sul tubo c'è - deep purple live Saarbrucken 1994 ..tanta roba ...nn sarà ufficiale ma intero concerto e buono video audio .. ..davvero godibile....oltre la media per un bootleg video


Si lo conosco..i concerti fatti con Satriani furono tutti di alto livello compresi quelli in Italia...peccato che non si sia concretizzato un album in studio..quella con Satriani è l'unica Mark dei Purple senza album in studio ...sembra x motivi contrattuali dal momento che dal vivo legavano alla grande.


si confermo...satriani sarebbe restato volentieri ... e mi sarebbe piaciuto molto un album con lui...la carriera solista nn mi fa impazzire..l'ho visto 2 volte ma seppur un mostro un po' la sua roba mi annoia..mentre con gli zii cresce e mi acchiappa notevolmente...putroppo i contratti con la SONY, mi sembra, impedirono il matrimonio...ma fu proprio lui a consigliare Morse...comunque il live sul tubo perquanto bootleg è strepitoso...

Anche a me la carriera solistica di Satriani non fa impazzire.Concordo che cmq dal vivo è un virtuoso..ho visto un solo suo concerto..ma furono 2 ore e oltre tutte strumentali...un vero virtuoso..come tutti i virtuosi piacerebbe che si cimentassino in un gruppo..con i Purple avrebbero sfornato sicuramente qualcosa di interessante.
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 551
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: I Deep Purple e gli States

da dagliStates » giovedì 22 agosto 2019, 15:15

Nella sua autobiografia, Satriani spiega che non era sicuro di accettare la proposta, anche perché Steve Vai glielo sconsigliava, portando a motivo la personale esperienza con Whitesnake.

Ma poi per il tour prevalse il cuore, e decise di accettare, non senza difficoltà con la casa discografica.
Poi però prevalse la testa e il desiderio di fare il solista.

Ovviamente i "se" non fanno la storia.
Però fra Coverdale e Gillan c'è un abisso di apertura mentale e voglia di osare (Gillan e' sempre in controtendenza, Coverdale si adatta al mainstream), quindi secondo me Satriani ha sbagliato. Sarebbero stati Purple diversi, ma super godibili. Per contro, lui non si sarebbe chiuso in un virtuosismo che, a mio modo di vedere e avendolo visto due volte dal vivo, sembra un po' fine a se stesso...
Io almeno la vedo così

Alex
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2501
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: I Deep Purple e gli States

da Asso_982 » giovedì 22 agosto 2019, 16:35

Ho ascoltato alcuni live con Satriani e sono tutti di ottimo livello.
C'è da dire che la band lo accompagna alla grande (evidentemente si tratta di effetto sbornia post-Blackmore :lol: ), mostrando uno stato di grazia che durerà fino al 1998-1999.
Detto questo, Morse o Satriani che sia, si tratta in entrambi i casi di un netto cambio di rotta rispetto allo stile di Blackmore, probabilmente voluto dalla band stessa. Intelligentemente direi: meglio cambiare direzione, piuttosto che ingaggiare un clone di Blackmore, che è inimitabile.
La scelta di Morse nel lungo periodo si è rilevata vincente, visto che oltre ad ottimi lavori in studio abbiamo assistito ad un ritorno di popolarità dei Deep Purple come non si vedeva dagli anni '80 (Stati Uniti a parte).
Con Satriani come sarebbe stato? Non lo sapremo mai.
Se però devo esprimere un giudizio sui due chitarristi, prendendo come metro di paragone quello fatto da entrambi fuori dai Deep Purple, secondo me Steve Morse vince alla grande. Come chitarrista lo preferisco nettamente (mio gusto personale). Anche i recenti prodotti con i Living Loud sono molto interessanti; si può dire lo stesso degli ultimi lavori di Satriani?
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1191
Iscritto il: sabato 30 giugno 2007, 15:26

Re: I Deep Purple e gli States

da nobody's home » giovedì 22 agosto 2019, 17:09

dagliStates ha scritto:Nella sua autobiografia, Satriani spiega che non era sicuro di accettare la proposta, anche perché Steve Vai glielo sconsigliava, portando a motivo la personale esperienza con Whitesnake.

Ma poi per il tour prevalse il cuore, e decise di accettare, non senza difficoltà con la casa discografica.
Poi però prevalse la testa e il desiderio di fare il solista.

Ovviamente i "se" non fanno la storia.
Però fra Coverdale e Gillan c'è un abisso di apertura mentale e voglia di osare (Gillan e' sempre in controtendenza, Coverdale si adatta al mainstream), quindi secondo me Satriani ha sbagliato. Sarebbero stati Purple diversi, ma super godibili. Per contro, lui non si sarebbe chiuso in un virtuosismo che, a mio modo di vedere e avendolo visto due volte dal vivo, sembra un po' fine a se stesso...
Io almeno la vedo così

Alex

Non conoscevo l'aneddoto del consiglio di Vai a non accettate...certo è che cmq x Steve Vai era dura fare meglio dell'album degli Whitesnake che lo ha preceduto(1987...)..nel caso dei Purple TBRO è sicuramente ottimo ma come sempre promosso malissimo...io personalmente quando poi uscì Purpendicular lo accolsi come una ventata di aria nuova...Tornando a Satriani va considerato che nel 1994 a livello mondiale non vendeva probabilmente meno dei Purple..insomma era in forte ascesa..come avete già sottolineato però alla lunga ci ha rimesso...il buon Morse alla fine ha risolto tutto senza troppi rimpianti.
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 551
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: I Deep Purple e gli States

da 1984 » lunedì 26 agosto 2019, 8:54

nobody's home ha scritto:
dagliStates ha scritto:Nella sua autobiografia, Satriani spiega che non era sicuro di accettare la proposta, anche perché Steve Vai glielo sconsigliava, portando a motivo la personale esperienza con Whitesnake.

Ma poi per il tour prevalse il cuore, e decise di accettare, non senza difficoltà con la casa discografica.
Poi però prevalse la testa e il desiderio di fare il solista.

Ovviamente i "se" non fanno la storia.
Però fra Coverdale e Gillan c'è un abisso di apertura mentale e voglia di osare (Gillan e' sempre in controtendenza, Coverdale si adatta al mainstream), quindi secondo me Satriani ha sbagliato. Sarebbero stati Purple diversi, ma super godibili. Per contro, lui non si sarebbe chiuso in un virtuosismo che, a mio modo di vedere e avendolo visto due volte dal vivo, sembra un po' fine a se stesso...
Io almeno la vedo così

Alex

Non conoscevo l'aneddoto del consiglio di Vai a non accettate...certo è che cmq x Steve Vai era dura fare meglio dell'album degli Whitesnake che lo ha preceduto(1987...)..nel caso dei Purple TBRO è sicuramente ottimo ma come sempre promosso malissimo...io personalmente quando poi uscì Purpendicular lo accolsi come una ventata di aria nuova...Tornando a Satriani va considerato che nel 1994 a livello mondiale non vendeva probabilmente meno dei Purple..insomma era in forte ascesa..come avete già sottolineato però alla lunga ci ha rimesso...il buon Morse alla fine ha risolto tutto senza troppi rimpianti.


le esperienze di Vai con i gruppi furono sempre un po' così...nel senso...con gli Alcatrazz sostituì lo svedese e nn andò...con gli snakes..seppur un buon album ...rivalutato a ottimo a distanza di anni...ma è + un animale turnista e solista...con gruppi veri e propri n ha mai funzionato....Satriani ha dimostrato diverse attitudini soprattutto la sua versatilità..nn a caso Blackmore è uno dei suoi venerati..famosa la frase : preferirei rotolarmi nel fuoco piuttosto che "confrontarmi" con Blackmore...ma sono d'accordo con il fatto che, seppur curioso e avido di lavori con Satriani, Morse sia stato il meglio che poteva essere portando forse + melodia e fraseggi prog sinfonici...e poi fu consigliato dallo stesso Satriani....stando nei purple per 24 anni...quasi 25...in pace amore e serenità...trallallero-trallallà! :D
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 361
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2009, 9:13

Re: I Deep Purple e gli States

da fabio q » giovedì 5 settembre 2019, 4:29

nobody's home ha scritto:
1984 ha scritto:
nobody's home ha scritto:Da tenere presente che il live a Parigi del 1985 non è ufficiale ma riprende la diretta tv di allora.Dalla reunion del 1984 in poi il primo video live ufficiale è Come Hell or.High Water..come non essere d'accordo sulla scarsa gestione di immagine della band..oltretutto manifestata nel campo dove sono più forti ovvero dal vivo.
L'auspicio è che esca il maggior materiale live possibile..anche delle mk meno stabili (es: con Satriani..)


se ti può interessare sul tubo c'è - deep purple live Saarbrucken 1994 ..tanta roba ...nn sarà ufficiale ma intero concerto e buono video audio .. ..davvero godibile....oltre la media per un bootleg video


Si lo conosco..i concerti fatti con Satriani furono tutti di alto livello compresi quelli in Italia...peccato che non si sia concretizzato un album in studio..quella con Satriani è l'unica Mark dei Purple senza album in studio ...sembra x motivi contrattuali dal momento che dal vivo legavano alla grande.

Mi ha sempre intrigato un album con Satriani, secondo me sarebbe venuto fuori un lavoro eccellente.
Secondo me sarebbe stato anche più idoneo a livello di sound a livello di Morse e questo lo affermo nonostante mi va benissimo come siano andate le cose.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5600
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: I Deep Purple e gli States

da fabio q » giovedì 5 settembre 2019, 4:33

Asso_982 ha scritto:Ho ascoltato alcuni live con Satriani e sono tutti di ottimo livello.
C'è da dire che la band lo accompagna alla grande (evidentemente si tratta di effetto sbornia post-Blackmore :lol: ), mostrando uno stato di grazia che durerà fino al 1998-1999.
Detto questo, Morse o Satriani che sia, si tratta in entrambi i casi di un netto cambio di rotta rispetto allo stile di Blackmore, probabilmente voluto dalla band stessa. Intelligentemente direi: meglio cambiare direzione, piuttosto che ingaggiare un clone di Blackmore, che è inimitabile.
La scelta di Morse nel lungo periodo si è rilevata vincente, visto che oltre ad ottimi lavori in studio abbiamo assistito ad un ritorno di popolarità dei Deep Purple come non si vedeva dagli anni '80 (Stati Uniti a parte).
Con Satriani come sarebbe stato? Non lo sapremo mai.
Se però devo esprimere un giudizio sui due chitarristi, prendendo come metro di paragone quello fatto da entrambi fuori dai Deep Purple, secondo me Steve Morse vince alla grande. Come chitarrista lo preferisco nettamente (mio gusto personale). Anche i recenti prodotti con i Living Loud sono molto interessanti; si può dire lo stesso degli ultimi lavori di Satriani?

Satriani dipende dal contesto e dalla band con chi suona, da solista non lo conosco, ma posso dire che con i Chickenfoot spaccava il culo ai passeri, un vero mostro.
Il suo stile chitarristico mi piace da matti.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5600
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: I Deep Purple e gli States

da nobody's home » venerdì 1 maggio 2020, 14:12

Chissà se con questo ultimo album riusciranno a riconquistare un po' di mercato negli States..
Soldier of fortune
Soldier of fortune
 
Messaggi: 551
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: I Deep Purple e gli States

da dagliStates » giovedì 7 maggio 2020, 21:08

nobody's home ha scritto:Chissà se con questo ultimo album riusciranno a riconquistare un po' di mercato negli States..



non mi illudo per niente... ma non fa nulla, in realta' c'e' un sottobosco di fans americani fantastico.

Guardate so YouTube un tizio che ha un canale che si chiama Sea of Tranquillity (da NY).

Fa molti commenti su band, ma alla fine i Deep Purple sono i suoi preferiti di sempre =D> =D> =D>
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2501
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Precedente

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti
cron