Black Sabbath - 13

Tutto quello che suona e non è porpora viene discusso qui

Moderatori: Flavio, LordEverTheBest

Regole del forum

Clicca per leggere le Regole del Forum. L'importante comunque è: no insulti; no razzismo; no politica; no link a materiale protetto da copyright, bootleg compresi. Leggi anche le Domande Frequenti (FAQ) prima di postare. Nuovo nel forum? Presentati qui!

Re: Black Sabbath - 13

da Strange Kind of Woman » martedì 18 giugno 2013, 8:41

Proprio così Fabioq, terribile e perfetto, quasi un ossimoro.
Nella mia opinione come la tua i Black Sabbath hanno senso con Ozzy, per quanto voci come Ian Gillan e Ronnie James Dio siano superbe (e imparagonabili), ma inadeguate nel contesto; qui un discorso sulla norma/forma vocale non c'entra, ed entrano in gioco puramente parametri soggettivi, in quanto a gradevolezza o meno dell'ascolto; per qualcuno risulta "magia", per altri "rumore", contrasti che scaturiscono, comprensibili, da accettare senza fomentare polemiche corrosive.
S'ha da dire comunque che il gusto dell'orrido non si impara, c'è chi ce l'ha, chi no, insomma una categoria estetica non per tutti: io ad esempio la amo - porcOZZYo 8)
Avatar utente
Speed King
Speed King
 
Messaggi: 779
Iscritto il: martedì 19 luglio 2011, 15:40
Località: Nowhere, Now Here

Re: Black Sabbath - 13

da DanieleZ » martedì 18 giugno 2013, 14:12

dagliStates ha scritto:Ok, per adesso non mi e' andata male... mi sa che DanieleZ pero' non avra' pieta'....
Bah, non è che ci sia o meno da avere pietà. Il punto è che quando una band crea un sound, a maggio ragione se così innnovativo ed influente, è per tutte le sue componenti, voce ovviamente compresa. Non a caso, quando hanno cambiato cantante, hanno cambiato decisamente sound. C'è anche da dire oltretutto che il Rock'n'Roll, per fortuna, non è una scienza esatta, e un cantante, per usare un eufemismo, non esattamente ineccepibile come Ozzy Osbourne, risulti avere la giusta magia per far funzionare a meraviglia il tutto. Sai che bello se al suo posto ci fosse stato, che ne so, Steve Perry dei Journey (uno dei più perfetti di sempre)? Una merda a livelli stratosferici, ovviamente. Non so se in generale si possa parlare di un valore di "bello" assoluto, almeno in ciò che ascoltiamo, io piuttosto sposterei il mirino su quello che funziona, e fino a prova contraria il tutto, nei Black Sabbath originali, ha funzionato talmente bene da farli diventare uno dei gruppi più importanti di sempre. Credo che in ultima analisi sia questa la considerazione che taglia la testa al toro. E se sbaglio, che chiamino Bocelli...
perepepè
Avatar utente
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4177
Iscritto il: venerdì 13 maggio 2005, 21:46
Località: Verona - Italia

Re: Black Sabbath - 13

da fabio q » martedì 18 giugno 2013, 14:14

A me comunque piacciono molto anche i Sabbath con Ronnie, soprattutto Heaven & Hell e Mob Rules, Born Again lo considero un capolavoro e anche i dischi con Tony Martin, soprattutto Headless Cross e Tyr, non li disprezzo affatto, anzi.
Ma Ozzy è stato un elemento fondamentale a creare quell'aurea malefica della musica dei primi Sabbath, e sono diventati una leggenda è anche grazie alla sua voce, terribilmente perfetta per la loro musica.
Penso che nessun altro cantante potesse essere in qualche modo più adatto ad Ozzy per la musica oscura e tenebra che propinavano.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5614
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Black Sabbath - 13

da RatBatBlue95 » martedì 18 giugno 2013, 14:28

Comunque ci sono dei brani dei Black Sabbath che Ozzy canta in maniera eccellente. Ho sempre pensato che la voce di Ozzy sia veramente migliorata in maniera esponenziale dal Vol. 4 in poi. Infatti, nei suoi ultimi 5 album coi Sabs, la sua voce diventa piena, espressiva, e raggiunge inoltre alte tonalità.
Per carità, nulla di sconvolgente (del resto siamo stati abituati troppo bene essendo fan Purpleiani) ma è un dato di fatto.
Il suo picco è in Sabotage, nello specifico in Megalomania (soprattutto) ed in The Writ.
A volte, la migliore musica è il silenzio... diciamo.
Avatar utente
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1438
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 16:03
Località: Taranto

Re: Black Sabbath - 13

da fabio q » martedì 18 giugno 2013, 14:42

RatBatBlue95 ha scritto:Comunque ci sono dei brani dei Black Sabbath che Ozzy canta in maniera eccellente. Ho sempre pensato che la voce di Ozzy sia veramente migliorata in maniera esponenziale dal Vol. 4 in poi. Infatti, nei suoi ultimi 5 album coi Sabs, la sua voce diventa piena, espressiva, e raggiunge inoltre alte tonalità.
Per carità, nulla di sconvolgente (del resto siamo stati abituati troppo bene essendo fan Purpleiani) ma è un dato di fatto.
Il suo picco è in Sabotage, nello specifico in Megalomania (soprattutto) ed in The Writ.

Vero, concordo in toto.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5614
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Black Sabbath - 13

da dagliStates » martedì 18 giugno 2013, 14:51

DanieleZ ha scritto:
dagliStates ha scritto:Ok, per adesso non mi e' andata male... mi sa che DanieleZ pero' non avra' pieta'....
Bah, non è che ci sia o meno da avere pietà. Il punto è che quando una band crea un sound, a maggio ragione se così innnovativo ed influente, è per tutte le sue componenti, voce ovviamente compresa. Non a caso, quando hanno cambiato cantante, hanno cambiato decisamente sound. C'è anche da dire oltretutto che il Rock'n'Roll, per fortuna, non è una scienza esatta, e un cantante, per usare un eufemismo, non esattamente ineccepibile come Ozzy Osbourne, risulti avere la giusta magia per far funzionare a meraviglia il tutto. Sai che bello se al suo posto ci fosse stato, che ne so, Steve Perry dei Journey (uno dei più perfetti di sempre)? Una merda a livelli stratosferici, ovviamente. Non so se in generale si possa parlare di un valore di "bello" assoluto, almeno in ciò che ascoltiamo, io piuttosto sposterei il mirino su quello che funziona, e fino a prova contraria il tutto, nei Black Sabbath originali, ha funzionato talmente bene da farli diventare uno dei gruppi più importanti di sempre. Credo che in ultima analisi sia questa la considerazione che taglia la testa al toro. E se sbaglio, che chiamino Bocelli...



Sono d'accordo con tutto quello che dite,
io infatti mi guardo bene dal sottovalutare l'importanza dei Black Sabbath e anche di Ozzy.
Credo che questo sia chiaro.
E posso anche capire che Ozzy sia stata la persona giusta al momento giusto
per l'affermazione di questo successo.
Ho solo parlato dei mie gusti, che in tutto questo non hanno nessuna voce in capitolo.
Ce l'hanno solo quando devo scegliere la musica che accompagna la mia giornata.
Tutto qui.
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2552
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: Black Sabbath - 13

da Strange Kind of Woman » martedì 18 giugno 2013, 21:59

RatBatBlue95 ha scritto:(...) Per carità, nulla di sconvolgente (del resto siamo stati abituati troppo bene essendo fan Purpleiani) ma è un dato di fatto.
Il suo picco è in Sabotage, nello specifico in Megalomania (soprattutto) ed in The Writ.


Adoro quell'album. Megalomania mi esalta.

DanieleZ ha scritto:(...) il Rock'n'Roll, per fortuna, non è una scienza esatta, e un cantante, per usare un eufemismo, non esattamente ineccepibile come Ozzy Osbourne, risulti avere la giusta magia per far funzionare a meraviglia il tutto. Sai che bello se al suo posto ci fosse stato, che ne so, Steve Perry dei Journey (uno dei più perfetti di sempre)? Una merda a livelli stratosferici, ovviamente. Non so se in generale si possa parlare di un valore di "bello" assoluto, almeno in ciò che ascoltiamo, io piuttosto sposterei il mirino su quello che funziona, e fino a prova contraria il tutto, nei Black Sabbath originali, ha funzionato talmente bene da farli diventare uno dei gruppi più importanti di sempre. Credo che in ultima analisi sia questa la considerazione che taglia la testa al toro. E se sbaglio, che chiamino Bocelli...


Già, come dice Woody Allen: "Basta che funzioni!".
Avatar utente
Speed King
Speed King
 
Messaggi: 779
Iscritto il: martedì 19 luglio 2011, 15:40
Località: Nowhere, Now Here

Re: Black Sabbath - 13

da fdr » martedì 18 giugno 2013, 23:34

Comunque siete tutti degli infedeli satanisti! Ascoltatevi il cd, che per me è proprio bello: Ozzy non è un Farinelli, e grazie mille, che scoperta, in compenso c'è un Geezer Butler che vi toglie ogni grano di polvere dai woofer dello stereo. Il disco non è bello come Sabotage...e vabbè, intanto hanno recuperato quelle atmosfere jazz/blues che da un bel po' non si sentivano (a furia di "metal" di qua e di là).
Questo la mia impressione dopo qualche ascolto a volume "adeguato". E non c'è motivo di dare contro a dagliStates, se a lui non piace la voce di O.O., è ovviamente legittimo.
Ma se vi lamentate del disco dopo averlo sentito una volta su youtube o ammenicoli simili, non vale!
E poi che bello è avere un nuovo album in studio di DP e dei Sabbath nel giro di due mesi?
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1486
Iscritto il: mercoledì 22 agosto 2007, 15:40
Località: Verona

Re: Black Sabbath - 13

da fabio q » mercoledì 19 giugno 2013, 1:41

fdr ha scritto:Comunque siete tutti degli infedeli satanisti! Ascoltatevi il cd, che per me è proprio bello: Ozzy non è un Farinelli, e grazie mille, che scoperta, in compenso c'è un Geezer Butler che vi toglie ogni grano di polvere dai woofer dello stereo. Il disco non è bello come Sabotage...e vabbè, intanto hanno recuperato quelle atmosfere jazz/blues che da un bel po' non si sentivano (a furia di "metal" di qua e di là).
Questo la mia impressione dopo qualche ascolto a volume "adeguato". E non c'è motivo di dare contro a dagliStates, se a lui non piace la voce di O.O., è ovviamente legittimo.
Ma se vi lamentate del disco dopo averlo sentito una volta su youtube o ammenicoli simili, non vale!
E poi che bello è avere un nuovo album in studio di DP e dei Sabbath nel giro di due mesi?

Hai ragione, sono in vergognoso ritardo.
Prometto di recuperare.
Riguardo ad Alex, posso anche perdonarlo su Ozzy, quello che non gli perdono è che ha sempre snobbato Slaves & Master, e invece ora gli piace :lol: :lol:
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5614
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Black Sabbath - 13

da dagliStates » mercoledì 19 giugno 2013, 2:44

fabio q ha scritto:
fdr ha scritto:Comunque siete tutti degli infedeli satanisti! Ascoltatevi il cd, che per me è proprio bello: Ozzy non è un Farinelli, e grazie mille, che scoperta, in compenso c'è un Geezer Butler che vi toglie ogni grano di polvere dai woofer dello stereo. Il disco non è bello come Sabotage...e vabbè, intanto hanno recuperato quelle atmosfere jazz/blues che da un bel po' non si sentivano (a furia di "metal" di qua e di là).
Questo la mia impressione dopo qualche ascolto a volume "adeguato". E non c'è motivo di dare contro a dagliStates, se a lui non piace la voce di O.O., è ovviamente legittimo.
Ma se vi lamentate del disco dopo averlo sentito una volta su youtube o ammenicoli simili, non vale!
E poi che bello è avere un nuovo album in studio di DP e dei Sabbath nel giro di due mesi?

Hai ragione, sono in vergognoso ritardo.
Prometto di recuperare.
Riguardo ad Alex, posso anche perdonarlo su Ozzy, quello che non gli perdono è che ha sempre snobbato Slaves & Master, e invece ora gli piace :lol: :lol:




wait a minute... ho detto che S&M ha degli spunti interessanti,
non lo si puo' negare, dai...
:)

Comunque sto fatto dei due dischi in un mese e' molto ma molto vero...
Quasi quasi mi compro i BS solo per celebrare la circostanza astrale ... :)
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2552
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: Black Sabbath - 13

da Fabio » mercoledì 19 giugno 2013, 21:28

Anch'io non l'ho ancora ascoltato, quindi rimando ogni giudizio sul disco, mentre per quanto riguarda i Sabbath in generale per me sono un dogma. Ozzy riesce ad essere allo stesso tempo fastidioso (o meglio, diciamo che posso capire che per alcuni sia così) e perfetto per il tipo di musica che hanno proposto i Sabbath nei primi anni '70. A me, a parte Paranoid e Children of the Grave, piacciono anche le interpretazioni di Ronnie sui pezzi storici (alcuni addirittura più degli originali), ma è innegabile che la voce di Ozzy sia stato un fattore determinante nel creare un sound che ha avuto un'influenza su tutto il mondo del rock duro che è addirittura difficile da quantificare. Il suo cantato sgraziato, angosciante e sporco si è sposato alla perfezione con i riff cupi di Iommi, dando un tono plumbeo e tetro alla loro muscia, che era esattamente l'obiettivo che si erano prefissati.
Thank you Ronnie, thank you so much.
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 6484
Iscritto il: domenica 2 novembre 2003, 12:09
Località: Somewhere Over The Rainbow

Re: Black Sabbath - 13

da DanieleZ » mercoledì 26 giugno 2013, 20:42

Presa oggi l'edizione uiga con i bonus ed appena ascoltato. Beh, mi è piaciuto, cazzo! Ok, vanno sul sicuro e si autocitano continuamente, però il dischetto l'ho trovato estremamente godibile, magari senza il pezzo definitivo, ma funziona alla grande. Fortunatamente, come diceva qualcuno prima, non c'è solo Doom Metal, ma anche qualche momento più vario (com'erano d'altronde i vecchi Black Sabbath), il Rock Blues stravolto di Damaged Soul tanto per dire è uno dei brani a mio gusto più riusciti del lotto. I bonus sulla stessa linea di tutto il disco e tutto sommato di pari ispirazione. La produzione di Rick Rubin è eccellente, il disco suona da dio (che basso, mamma mia che basso!) per il genere proposto... insomma, non sarà certo il loro lavoro più importante (a riguardo hanno già dato, direi), c'è sicuramente del mestiere, ma alla fine l'ho trovato un lavoro che scorre bene, si fa ascoltare che è un piacere. Dannati vecchiacci!
perepepè
Avatar utente
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4177
Iscritto il: venerdì 13 maggio 2005, 21:46
Località: Verona - Italia

Re: Black Sabbath - 13

da silvano » venerdì 5 luglio 2013, 13:48

Ascoltato un po' meglio, gran album! Non rischiano nulla, ma i pezzi ci sono. Sarà che preferisco di gran lunga i Sabbath settantiani e blueseggianti a quelli più metallari, ma questo lavoro evoca sensazioni d'altri tempi... Promossi!
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1262
Iscritto il: sabato 26 marzo 2005, 23:24

Re: Black Sabbath - 13

da purpleangel » venerdì 5 luglio 2013, 15:19

Io sinceramente me lo sono già dimenticato. Non basta suonare bene per essere un gran disco, ci vogliono riff e melodie che ti si stampano in testa, non che scorrono via, anche se "piacevolmente". Now What in questo senso è di tutt'altro spessore.
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 6028
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

Re: Black Sabbath - 13

da The Lawyer » venerdì 5 luglio 2013, 17:29

purpleangel ha scritto:Io sinceramente me lo sono già dimenticato. Non basta suonare bene per essere un gran disco, ci vogliono riff e melodie che ti si stampano in testa, non che scorrono via, anche se "piacevolmente". Now What in questo senso è di tutt'altro spessore.


..... l'ultima frase ... detta da Purpleangel .... è una piacevolissima sorpresa ..... :) 8)
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2369
Iscritto il: sabato 18 giugno 2005, 19:00

Re: Black Sabbath - 13

da DanieleZ » venerdì 5 luglio 2013, 18:48

Bella intervistona a Iommi, Osbourne e Butler sull'ultimo Classic Rock, a chi interessasse.
Oh, me lo sto ascoltando in questo momento, a me piace un sacco, sempre di più!
perepepè
Avatar utente
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4177
Iscritto il: venerdì 13 maggio 2005, 21:46
Località: Verona - Italia

Re: Black Sabbath - 13

da GIORGIO.MARCATO » domenica 7 luglio 2013, 13:43

Neanche Ozzy..

su spaziorock.it
"Io non sono ma riuscito a identificarmi all'interno del termine 'heavy metal'... per me non ha nessuna connotazione musicale. Potrei capire il termine 'heavy rock', forse è più azzeccato, ma negli anni Settanta con i Sabbath facevo una cosa più blues, negli anni Ottanta da solista roba più bubblegum, sai quelle cose da capelli cotonati e vestiti di mille colori, e negli anni Novanta cose più vicine al grunge. A volte ci sono persone che vengono estasiate da me a dirmi 'Hey, Il tuo lavoro coi Sabbath è stato una grandissima influenza per me e la mia band!'... per alcuni potrebbe anche sembrare e potrei dire 'Vero, sì, si sente!', ma per altri... davvero, cosa di ciò che fate è stato sul serio ispirato da noi? Alcuni sono solo tizi incazzati che gridano dentro un microfono!".
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4360
Iscritto il: domenica 13 dicembre 2009, 19:47
Località: Padova

Re: Black Sabbath - 13

da fabio q » sabato 3 agosto 2013, 21:58

Finalmente, anche se in vergognoso ritardo, sono in fase di ascolto!
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5614
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Black Sabbath - 13

da fabio q » sabato 3 agosto 2013, 23:00

Dunque, ad un primo ascolto l'album non mi sembra per niente male, anzi fino oltre la metà mi è piaciuto assai fin da ora, però mi sembra che smoscia un po' verso le ultime canzoni...però un solo ascolto è troppo poco direi, perciò potrei cambiare tranquillamente parere.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5614
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Black Sabbath - 13

da trashed » domenica 4 agosto 2013, 11:45

Per me è u gran disco....bravi 'sti vecchietti :D :D
Soon forgotten
Soon forgotten
 
Messaggi: 71
Iscritto il: venerdì 3 agosto 2012, 13:38

Re: Black Sabbath - 13

da blackburn road » lunedì 5 agosto 2013, 10:33

E' un gran bel disco, con qualche pezzo degnissimo dei personaggi. Ascoltando 13, Sabbath Bloody Sabbath sembra essre il loro disco precedente: bel sound.

Sono costretto ad ammettere che tra il nuovo dei Purple e questo lo ascolto molto più volentieri. Personalmente, Now What non mi dice proprio nulla, la loro vena compositiva è ormai inevitabilmente esaurita. L'energia c'è, e stavolta anche le tastiere, ma le svise chitarristiche del sig. Morse sono sempre le stesse, con quel suono che non ho mai digerito. Da Purpedicolar in poi... solo tante note ben suonate, decine e decine di pezzi che non riescono diventare classici da antologia.
Pazienza, verrà un giorno in cui ci faremo una ragione che gli anni '70 e qualcosa degli '80 fanno parte della loro e della nostra storia.
Per chi non lo avesse ancora capito, si chiama nostalgia.
Soon forgotten
Soon forgotten
 
Messaggi: 99
Iscritto il: domenica 4 giugno 2006, 8:48

Re: Black Sabbath - 13

da fabio q » lunedì 5 agosto 2013, 13:58

blackburn road ha scritto:E' un gran bel disco, con qualche pezzo degnissimo dei personaggi. Ascoltando 13, Sabbath Bloody Sabbath sembra essre il loro disco precedente: bel sound.

Sono costretto ad ammettere che tra il nuovo dei Purple e questo lo ascolto molto più volentieri. Personalmente, Now What non mi dice proprio nulla, la loro vena compositiva è ormai inevitabilmente esaurita. L'energia c'è, e stavolta anche le tastiere, ma le svise chitarristiche del sig. Morse sono sempre le stesse, con quel suono che non ho mai digerito. Da Purpedicolar in poi... solo tante note ben suonate, decine e decine di pezzi che non riescono diventare classici da antologia.
Pazienza, verrà un giorno in cui ci faremo una ragione che gli anni '70 e qualcosa degli '80 fanno parte della loro e della nostra storia.
Per chi non lo avesse ancora capito, si chiama nostalgia.

Beh, su Morse è solo una questione di gusti e basta.
Non mi sembra che su 13 anche Iommi si sia inventato chissà quali svise chitarristiche nuove.
Poi se vogliamo dirla tutta, Now What a livello di vena compositiva è superiore, visto che hanno tirato fuori delle cose mai prima fatte, mentre su 13 non c'è proprio nulla di nuovo.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5614
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Black Sabbath - 13

da Fabio » lunedì 5 agosto 2013, 18:29

A me il disco piace. Come avete detto, non rischiano nulla e certo non si tratta di un capolavoro, però mi sembra che i pezzi siano ben costruiti e il sound di Iommi è sempre una libidine per le orecchie.
In definitiva, non un disco epocale ma un lavoro che si si ascolta molto, molto volentieri.
Thank you Ronnie, thank you so much.
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 6484
Iscritto il: domenica 2 novembre 2003, 12:09
Località: Somewhere Over The Rainbow

Re: Black Sabbath - 13

da purpleangel » lunedì 5 agosto 2013, 18:56

Fabio ha scritto:A me il disco piace. Come avete detto, non rischiano nulla e certo non si tratta di un capolavoro, però mi sembra che i pezzi siano ben costruiti e il sound di Iommi è sempre una libidine per le orecchie.
In definitiva, non un disco epocale ma un lavoro che si si ascolta molto, molto volentieri.


si ma alla fine continui ad ascoltarlo? io onestamente no, sinceramente ci sono tanti altri dischi che meritano molti più ascolti di questo, a me sembra abbastanza un disco da dimenticatoio, fatto per giustificare sta "reunion" e basta. come già detto e ribadito da fabioq, now what è tutt'altra cosa, anche solo per il fatto di essere un disco che si colloca in un determinato percorso intrapreso dal gruppo.
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 6028
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

Re: Black Sabbath - 13

da dagliStates » lunedì 5 agosto 2013, 22:05

purpleangel ha scritto:
Fabio ha scritto:A me il disco piace. Come avete detto, non rischiano nulla e certo non si tratta di un capolavoro, però mi sembra che i pezzi siano ben costruiti e il sound di Iommi è sempre una libidine per le orecchie.
In definitiva, non un disco epocale ma un lavoro che si si ascolta molto, molto volentieri.


si ma alla fine continui ad ascoltarlo? io onestamente no, sinceramente ci sono tanti altri dischi che meritano molti più ascolti di questo, a me sembra abbastanza un disco da dimenticatoio, fatto per giustificare sta "reunion" e basta. come già detto e ribadito da fabioq, now what è tutt'altra cosa, anche solo per il fatto di essere un disco che si colloca in un determinato percorso intrapreso dal gruppo.



quanto e' bello dare ragione a purpleangel =D>
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2552
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

PrecedenteProssimo

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti