In un’intervista condotta da Marcin Rybacki per RockOthequeIan Gillan per la prima volta ha parlato del nuovo brano Hip Boots (forse un’abbreviazione di Got My Hip Boots On), proposto per la prima volta dal vivo al concerto dei Deep Purple in Polonia del 25 ottobre. L’intervista si è tenuta prima dello show.

Ecco cosa dice Gillan riguardo alla nuova canzone.

Chiamarla canzone è un po’ forzato – non è ancora finita. Il fatto è che non possiamo più [proporre canzoni nuove dal vivo in anteprima] come facevamo prima, e come abbiamo sempre fatto: prima ancora di arrivare al concerto successivo, il pezzo sarebbe già in circolazione illegalmente.

Sul fatto che per Now What?! non ci furono anteprime live di alcun tipo, e su come invece è stata presa la decisione di suonare un pezzo nuovo in questo tour:

Ci piace cambiare, non vogliamo rimanere bloccati in certi schemi. La decisione è stata presa parlandone con la band tutti insieme. Abbiamo trenta, quaranta, cinquanta idee [per il nuovo album]. Può darsi che nessuna di queste sarà sull’album, e comunque le rielaboreremo e gli daremo altra forma.

[quello che suoneremo stasera] è un bel riff, e tutti nella band hanno detto: “Suoniamolo”, e io: “Meglio avere una canzone, e non solo il riff”. Quindi: suoneremo quel riff, e io ci canterò sopra delle parole. Semplice. Ma, ripeto: può darsi che il brano non finirà sull’album nuovo!

E poi, qualche frecciatina a chi mette i filmati su YouTube, e a chi li usa come base per formarsi un’opinione su brani inediti:

Mi auguro che la sorpresa sia per la gente che è al concerto.La canzone non è da intendersi per chi è a casa, seduto sul divano. La gente che è rimasta a casa probabilmente sentirà qualcosa e si permetterà anche di commentare. Non gli spetta, il brano non è per loro. E noi non prenderemo nemmeno in considerazione questi commenti. Ascolteremo invece il pubblico di questo concerto.

Segue un po’ di conversazione tra il filosofico e il metafisico sul significato di dio, eternità ed infinito – Gillan da tempo sta lavorando ad un progetto letterario che per ora ha il titolo The Infinite God: una ricerca di approfondimento sulle varie teorie che ringuardano l’infinito, ricerca che ha coinvolto matematici e astrofisici.

Per ultimo, Gilla parla di un altro possibile album solista (dopo One Eye On Morocco del 2009), affermando di avere parecchio materiale nei suoi archivi, ma che al momento il focus è sul prossimo album in studio dei Deep Purple.

Cosa ne pensi?