Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

Stanza dedicata al nuovo disco InFinite ed al tour Long Goodbye

Moderatori: Fabio, numero2

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da Purplerock » domenica 23 luglio 2017, 8:08

GIORGIO.MARCATO ha scritto:
Purplerock ha scritto:Secondo me gli ultimi due album sono stati fatti senza pressioni eccessive di contratto e quindi sono quello che i nostri amici volevano incidere...mentre precedentemente alcuni album sono stati fatti per onorare contratti e quindi non spontanei...io la penso cosi!!!

Puoi anche aver ragione, sai se avevano contratti di questo tipo, negli anni '90-2000?


Si...quando fecero Perfect Strangers avevano un contratto per altri 2 o 3 album se non sbaglio ed essendo sempre in tour voglio vedere chi li scriveva le nuove canzoni!!
Infatti il deterioramento dei rapporti dei componenti della band penso sia stata anche colpa di un eccessiva pressione e come successe molti anni prima il non essere capaci di fermarsi a riflettere un pò!!! Sempre spremuti come limoni e a differenza di ora il divertimento lo avranno avuto solo i primi mesi della reunion del 1984....ora invece sembrano tornati ragazzini come spirito, e mi immagino cosa avrebbe potuto fare la mark two con questo clima di spensieratezza che credo non abbiano mai avuto.
Non bisogna scordare che dell'enorme successo di "In Rock" i nostri amici non hanno visto una Sterlina quasi visto che dovevano rendere soldi al management dei 4 precedenti album che come vendite non furono certo emozionanti se togliamo le 600.000 copie di Hush. (Il singolo, non lo LP)
I Deep Purple non fanno rock....i Deep Purple SONO il rock!!
Avatar utente
Speed King
Speed King
 
Messaggi: 972
Iscritto il: sabato 18 agosto 2007, 7:48
Località: Livorno


Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da fabio q » sabato 29 luglio 2017, 20:12

Purplerock ha scritto:
GIORGIO.MARCATO ha scritto:
Purplerock ha scritto:Secondo me gli ultimi due album sono stati fatti senza pressioni eccessive di contratto e quindi sono quello che i nostri amici volevano incidere...mentre precedentemente alcuni album sono stati fatti per onorare contratti e quindi non spontanei...io la penso cosi!!!

Puoi anche aver ragione, sai se avevano contratti di questo tipo, negli anni '90-2000?


Si...quando fecero Perfect Strangers avevano un contratto per altri 2 o 3 album se non sbaglio ed essendo sempre in tour voglio vedere chi li scriveva le nuove canzoni!!
Infatti il deterioramento dei rapporti dei componenti della band penso sia stata anche colpa di un eccessiva pressione e come successe molti anni prima il non essere capaci di fermarsi a riflettere un pò!!! Sempre spremuti come limoni e a differenza di ora il divertimento lo avranno avuto solo i primi mesi della reunion del 1984....ora invece sembrano tornati ragazzini come spirito, e mi immagino cosa avrebbe potuto fare la mark two con questo clima di spensieratezza che credo non abbiano mai avuto.
Non bisogna scordare che dell'enorme successo di "In Rock" i nostri amici non hanno visto una Sterlina quasi visto che dovevano rendere soldi al management dei 4 precedenti album che come vendite non furono certo emozionanti se togliamo le 600.000 copie di Hush. (Il singolo, non lo LP)

Beh, THRBL uscì ben 3 anni dopo, all'epoca gli album uscivano quasi sempre ogni anno, per cui il tempo per farlo volendo ce l'hanno avuto eccome, il fatto è lo spirito di come fu composto e registrato quell'album fu tutt'altro che in spensieratezza...vuoi che dopo l'enorme successo di PS e della reunion in se portò un peso di responsabilità su quello che doveva essere il successore di PS, di fatto tutto il processo creativo di THTBL fu minato da continue e incessanti divergenze da parte di tutti....ogni cosa che veniva proposta da ognuno veniva pesantemente bocciata dagli altri...a cominciare proprio da Blackmore, che si rifiutò letteralmente di ascoltare neanche mezza volta una vagonata di materiale preparato da Gillan e Glover durante il tour e precisamente nel 1985....quello fu l'inizio dello scazzo completo...voglio vedere chi non si sarebbe scazzato...poi, di conseguenza, seguirono le solite bambinate...ma l'artefice fu come sempre Blackmore...come Gillan e Glover proponevano qualcosa, Blackmore lo bocciava per partito preso e poi, di conseguenza, lo fece anche un po' Gillan con Blackmore...oltre al fatto che si incazzò pesantemente con Gillan, che per ragioni contrattuali avrebbe dovuto fare un album solista (che poi non vide mai la luce), perchè a suo modo di vedere non si possono fare dischi solisti quando se ne deve fare uno con la band....il solito perdapalle...però rifiutare di netto per partito preso una marea di materiale composto da altri, quello si, è normale farlo....addirittura si rifiutò di registrare l'assolo di Mitzii Dupree tanto che fu preso quello della versione demo....
Il divertimento che hanno ora e la spensieratezza è dovuta solo e solamente all'entrata di Morse: con Blackmore mai avrebbero potuto raggiungerla, perciò secondo me non si tratta di contratti ( o meglio c'è stato anche quel problema, ma riguarda più gli anni '70) ma di una mela marcia dal punto di vista umano e caratteriale all'interno della band, che da sempre incline al comando, dopo l'esperienza con i Rainbow, voleva fare il leader assoluto.
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5546
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da nobody's home » domenica 30 luglio 2017, 17:02

fabio q ha scritto:
Purplerock ha scritto:
GIORGIO.MARCATO ha scritto:
Purplerock ha scritto:Secondo me gli ultimi due album sono stati fatti senza pressioni eccessive di contratto e quindi sono quello che i nostri amici volevano incidere...mentre precedentemente alcuni album sono stati fatti per onorare contratti e quindi non spontanei...io la penso cosi!!!

Puoi anche aver ragione, sai se avevano contratti di questo tipo, negli anni '90-2000?


Si...quando fecero Perfect Strangers avevano un contratto per altri 2 o 3 album se non sbaglio ed essendo sempre in tour voglio vedere chi li scriveva le nuove canzoni!!
Infatti il deterioramento dei rapporti dei componenti della band penso sia stata anche colpa di un eccessiva pressione e come successe molti anni prima il non essere capaci di fermarsi a riflettere un pò!!! Sempre spremuti come limoni e a differenza di ora il divertimento lo avranno avuto solo i primi mesi della reunion del 1984....ora invece sembrano tornati ragazzini come spirito, e mi immagino cosa avrebbe potuto fare la mark two con questo clima di spensieratezza che credo non abbiano mai avuto.
Non bisogna scordare che dell'enorme successo di "In Rock" i nostri amici non hanno visto una Sterlina quasi visto che dovevano rendere soldi al management dei 4 precedenti album che come vendite non furono certo emozionanti se togliamo le 600.000 copie di Hush. (Il singolo, non lo LP)

Beh, THRBL uscì ben 3 anni dopo, all'epoca gli album uscivano quasi sempre ogni anno, per cui il tempo per farlo volendo ce l'hanno avuto eccome, il fatto è lo spirito di come fu composto e registrato quell'album fu tutt'altro che in spensieratezza...vuoi che dopo l'enorme successo di PS e della reunion in se portò un peso di responsabilità su quello che doveva essere il successore di PS, di fatto tutto il processo creativo di THTBL fu minato da continue e incessanti divergenze da parte di tutti....ogni cosa che veniva proposta da ognuno veniva pesantemente bocciata dagli altri...a cominciare proprio da Blackmore, che si rifiutò letteralmente di ascoltare neanche mezza volta una vagonata di materiale preparato da Gillan e Glover durante il tour e precisamente nel 1985....quello fu l'inizio dello scazzo completo...voglio vedere chi non si sarebbe scazzato...poi, di conseguenza, seguirono le solite bambinate...ma l'artefice fu come sempre Blackmore...come Gillan e Glover proponevano qualcosa, Blackmore lo bocciava per partito preso e poi, di conseguenza, lo fece anche un po' Gillan con Blackmore...oltre al fatto che si incazzò pesantemente con Gillan, che per ragioni contrattuali avrebbe dovuto fare un album solista (che poi non vide mai la luce), perchè a suo modo di vedere non si possono fare dischi solisti quando se ne deve fare uno con la band....il solito perdapalle...però rifiutare di netto per partito preso una marea di materiale composto da altri, quello si, è normale farlo....addirittura si rifiutò di registrare l'assolo di Mitzii Dupree tanto che fu preso quello della versione demo....
Il divertimento che hanno ora e la spensieratezza è dovuta solo e solamente all'entrata di Morse: con Blackmore mai avrebbero potuto raggiungerla, perciò secondo me non si tratta di contratti ( o meglio c'è stato anche quel problema, ma riguarda più gli anni '70) ma di una mela marcia dal punto di vista umano e caratteriale all'interno della band, che da sempre incline al comando, dopo l'esperienza con i Rainbow, voleva fare il leader assoluto.

Anche io la penso cosi. Del resto dopo che Blackmore ha lasciato la band, gli altri hanno continuato da soli trovando un nuovo equilibrio, come gruppo intendo e poi pure come ritrovato successo. I quattro rimasti non si sono sentiti sminuiti dalla assenza di Ritchie, anzi hanno avuto il movente di dovere dimostrare qualcosa al di la delle indubbie qualità di Blackmore. Il quale a sua volta dal 94 in poi commercialmente parlando non è che abbia ottenuto alcunché ( anche perche il genere oroposto non aiutava..)...dico questo perché l'idea che in molti avevamo è che Blackmore non considerasse gli altri in grado di gadantire qualità e successo..il fatto di sostituire Gillan con Turner per un imorobabile successo americano la dice lunga...insomma sono daccordo ...Blackmore in un gruppo fatica a starci..caratterialmente intendo..quando simparla dei "motivi dello sputtanamento" di fine anni 80..beh la storia e il tempo hanno dato la risposta..e lo pensa uno (io) che considera Ritchie un genio.Mettiamola cosi....a Ritchie è mancata del tutto la capacita di invecchiare e riposizionarsi come musicista rock negli anni, una cisa che inevitabilmente non puo essere determinata da una nuova Smoke in the water o da qualche sceneggiata sul palco..del resto avrebbe potuto riformare i Rainbow con Dio e Powell e magari la stiria avrebbe portato a rivalutare i Rainbow...sono andato un paio di volte a vedere i Blackmore's night...beh Rainbow Rising vale DA SOLO piu di tutti gli album medioevali....ma in quell'album , nel gruppo seppur comandato da Blackmore..ci stavano anche Powell e Dio..e si sentiva..tornando in tema...penso che nel periodo della Reunion i nostri avessero delle normalissime pressioni discografiche...il vero problema era che il chitarrista non era convinto al 100% di fare squadra con gli altri..quello che è successo dopo lo testimonia.
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 466
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da dagliStates » domenica 30 luglio 2017, 18:24

nobody's home ha scritto:
fabio q ha scritto:
Purplerock ha scritto: ...
Si...quando fecero Perfect Strangers avevano un contratto per altri 2 o 3 album se non sbaglio ed essendo sempre in tour voglio vedere chi li scriveva le nuove canzoni!!
Infatti il deterioramento dei rapporti dei componenti della band penso sia stata anche colpa di un eccessiva pressione e come successe molti anni prima il non essere capaci di fermarsi a riflettere un pò!!! Sempre spremuti come limoni e a differenza di ora il divertimento lo avranno avuto solo i primi mesi della reunion del 1984....ora invece sembrano tornati ragazzini come spirito, e mi immagino cosa avrebbe potuto fare la mark two con questo clima di spensieratezza che credo non abbiano mai avuto.
Non bisogna scordare che dell'enorme successo di "In Rock" i nostri amici non hanno visto una Sterlina quasi visto che dovevano rendere soldi al management dei 4 precedenti album che come vendite non furono certo emozionanti se togliamo le 600.000 copie di Hush. (Il singolo, non lo LP)

Beh, THRBL uscì ben 3 anni dopo, all'epoca gli album uscivano quasi sempre ogni anno, per cui il tempo per farlo volendo ce l'hanno avuto eccome, il fatto è lo spirito di come fu composto e registrato quell'album fu tutt'altro che in spensieratezza...vuoi che dopo l'enorme successo di PS e della reunion in se portò un peso di responsabilità su quello che doveva essere il successore di PS, di fatto tutto il processo creativo di THTBL fu minato da continue e incessanti divergenze da parte di tutti....ogni cosa che veniva proposta da ognuno veniva pesantemente bocciata dagli altri...a cominciare proprio da Blackmore, che si rifiutò letteralmente di ascoltare neanche mezza volta una vagonata di materiale preparato da Gillan e Glover durante il tour e precisamente nel 1985....quello fu l'inizio dello scazzo completo...voglio vedere chi non si sarebbe scazzato...poi, di conseguenza, seguirono le solite bambinate...ma l'artefice fu come sempre Blackmore...come Gillan e Glover proponevano qualcosa, Blackmore lo bocciava per partito preso e poi, di conseguenza, lo fece anche un po' Gillan con Blackmore...oltre al fatto che si incazzò pesantemente con Gillan, che per ragioni contrattuali avrebbe dovuto fare un album solista (che poi non vide mai la luce), perchè a suo modo di vedere non si possono fare dischi solisti quando se ne deve fare uno con la band....il solito perdapalle...però rifiutare di netto per partito preso una marea di materiale composto da altri, quello si, è normale farlo....addirittura si rifiutò di registrare l'assolo di Mitzii Dupree tanto che fu preso quello della versione demo....
Il divertimento che hanno ora e la spensieratezza è dovuta solo e solamente all'entrata di Morse: con Blackmore mai avrebbero potuto raggiungerla, perciò secondo me non si tratta di contratti ( o meglio c'è stato anche quel problema, ma riguarda più gli anni '70) ma di una mela marcia dal punto di vista umano e caratteriale all'interno della band, che da sempre incline al comando, dopo l'esperienza con i Rainbow, voleva fare il leader assoluto.

Anche io la penso cosi. Del resto dopo che Blackmore ha lasciato la band, gli altri hanno continuato da soli trovando un nuovo equilibrio, come gruppo intendo e poi pure come ritrovato successo. I quattro rimasti non si sono sentiti sminuiti dalla assenza di Ritchie, anzi hanno avuto il movente di dovere dimostrare qualcosa al di la delle indubbie qualità di Blackmore. Il quale a sua volta dal 94 in poi commercialmente parlando non è che abbia ottenuto alcunché ( anche perche il genere oroposto non aiutava..)...dico questo perché l'idea che in molti avevamo è che Blackmore non considerasse gli altri in grado di gadantire qualità e successo..il fatto di sostituire Gillan con Turner per un imorobabile successo americano la dice lunga...insomma sono daccordo ...Blackmore in un gruppo fatica a starci..caratterialmente intendo..quando simparla dei "motivi dello sputtanamento" di fine anni 80..beh la storia e il tempo hanno dato la risposta..e lo pensa uno (io) che considera Ritchie un genio.Mettiamola cosi....a Ritchie è mancata del tutto la capacita di invecchiare e riposizionarsi come musicista rock negli anni, una cisa che inevitabilmente non puo essere determinata da una nuova Smoke in the water o da qualche sceneggiata sul palco..del resto avrebbe potuto riformare i Rainbow con Dio e Powell e magari la stiria avrebbe portato a rivalutare i Rainbow...sono andato un paio di volte a vedere i Blackmore's night...beh Rainbow Rising vale DA SOLO piu di tutti gli album medioevali....ma in quell'album , nel gruppo seppur comandato da Blackmore..ci stavano anche Powell e Dio..e si sentiva..tornando in tema...penso che nel periodo della Reunion i nostri avessero delle normalissime pressioni discografiche...il vero problema era che il chitarrista non era convinto al 100% di fare squadra con gli altri..quello che è successo dopo lo testimonia.



Sono d'accordo su quasi tutto quello che dici, anche se secondo me - e so di essere in minoranza - l'esperienza dei primi due CD dei Blackmore's Night e' stata interessante (Play, Minstrel, Play per intenderci) e aveva un suo perche'.
Il perche' si e' perso poi nella poca originalita' di quello che segui'.
Io non so se Blackmore e' invecchiato male, spariamo a zero su di lui, ma quando vedo Page a me pare sia messo peggio.
Iommi sta meglio, pero' e' anche uno stile e una ricerca diverse.

Come dici tu, quando se ne ando' era convinto che i Purple non sarebbero sopravvissuti e forse anche loro stessi hanno avuto paura.
I ringraziamenti a Satriani e Morse su Purpendicular lo testimoniano.
E le aperture recenti di Blackmore mi fanno pensare a uno che ha preso atto che non riesce con la sola classe a sopperire all'eta' e al suo ego ipertrofico (per cui, cantante a parte, gli strumentisti dei Rainbow attuali sono delle ciofeche ) mentre i Purple - surprise! - buttano fuori un CD comunque di classe (io credo che Time For Bedlam rimanga una canzone scolpita.... Un'epoca diversa e meno ostile al Rock lo avrebbe gia' riconosciuto). E questo lo fa un po' incazzare, ma parafrasando indegnamente Gandhi
"prima li ha ignorati, poi li ha derisi, poi li ha combattuti e alla fine i Purple hanno vinto...."

Mi spiace, parlo del chitarrista che musicalmente amero' sempre piu' di ogni altro, incazzandomi perche' qui in USA e' e rimane pesantemente sottovalutato.

Alex
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2414
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da fabio q » domenica 30 luglio 2017, 23:16

Mi sono sempre chiesto se Blackmore, per curiosità abbia sbirciato sul materiale degli attuali Purple...magari in linea si massima anche no, però vuoi che un orecchio su time for badlam e all i got you non l'abbia dato, ora che gli è presa sta nostalgia? Secondo me si dai e avrà pure pensato bene...se non altro per Don Airey :D
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5546
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da Asso_982 » lunedì 31 luglio 2017, 1:40

fabio q ha scritto:Mi sono sempre chiesto se Blackmore, per curiosità abbia sbirciato sul materiale degli attuali Purple...magari in linea si massima anche no, però vuoi che un orecchio su time for badlam e all i got you non l'abbia dato, ora che gli è presa sta nostalgia? Secondo me si dai e avrà pure pensato bene...se non altro per Don Airey :D


Secondo me ha sbirciato eccome...come del resto sono sicuro che Gillan & co. abbiano sbirciato il materiale di Blackmore...
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1146
Iscritto il: sabato 30 giugno 2007, 15:26

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da Asso_982 » lunedì 31 luglio 2017, 1:46

dagliStates ha scritto:Sono d'accordo su quasi tutto quello che dici, anche se secondo me - e so di essere in minoranza - l'esperienza dei primi due CD dei Blackmore's Night e' stata interessante (Play, Minstrel, Play per intenderci) e aveva un suo perche'.


Io la penso come te.
I primi due dischi non sono affatto male.

Diciamoci la verità: tutti noi fan avremmo voluto un Blackmore in versione rock anche dopo Stranger in Us All.

Poi, se tra un tour dei Rainbow e l'altro, ogni tanto inseriva qualche lavoro dei Blackmore's Night come piacevole divagazione, magari anche con relativo tour, sono sicuro che avremmo apprezzato e non poco (un po' come fa Gillan con i tour con l'orchestra quando sta fermo con i DP, per fare un paragone).
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1146
Iscritto il: sabato 30 giugno 2007, 15:26

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da fabio q » lunedì 31 luglio 2017, 5:38

Asso_982 ha scritto:
fabio q ha scritto:Mi sono sempre chiesto se Blackmore, per curiosità abbia sbirciato sul materiale degli attuali Purple...magari in linea si massima anche no, però vuoi che un orecchio su time for badlam e all i got you non l'abbia dato, ora che gli è presa sta nostalgia? Secondo me si dai e avrà pure pensato bene...se non altro per Don Airey :D


Secondo me ha sbirciato eccome...come del resto sono sicuro che Gillan & co. abbiano sbirciato il materiale di Blackmore...

mah, loro forse solo agli inizi, al contrario di blackmore che secondo me ci sta sbirciando più ora
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5546
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da 1984 » lunedì 31 luglio 2017, 10:28

i Deep Purple sono stati grandi grazie a Blackmore e...NONOSTANTE BLACKMORE...che nel 1993 pensava che dopo di lui il nulla..e invece..."siamo ancora quà...eh già!" ( cit.) :D
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 341
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2009, 9:13

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da dagliStates » lunedì 31 luglio 2017, 14:12

Asso_982 ha scritto:
fabio q ha scritto:Mi sono sempre chiesto se Blackmore, per curiosità abbia sbirciato sul materiale degli attuali Purple...magari in linea si massima anche no, però vuoi che un orecchio su time for badlam e all i got you non l'abbia dato, ora che gli è presa sta nostalgia? Secondo me si dai e avrà pure pensato bene...se non altro per Don Airey :D


Secondo me ha sbirciato eccome...come del resto sono sicuro che Gillan & co. abbiano sbirciato il materiale di Blackmore...


Pure per me si sono sbirciati a vicenda...
E il confronto attuale è abbastanza netto... E Blackmore lo sa.
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2414
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da nobody's home » lunedì 31 luglio 2017, 15:07

Asso_982 ha scritto:
dagliStates ha scritto:Sono d'accordo su quasi tutto quello che dici, anche se secondo me - e so di essere in minoranza - l'esperienza dei primi due CD dei Blackmore's Night e' stata interessante (Play, Minstrel, Play per intenderci) e aveva un suo perche'.


Io la penso come te.
I primi due dischi non sono affatto male.

Diciamoci la verità: tutti noi fan avremmo voluto un Blackmore in versione rock anche dopo Stranger in Us All.

Poi, se tra un tour dei Rainbow e l'altro, ogni tanto inseriva qualche lavoro dei Blackmore's Night come piacevole divagazione, magari anche con relativo tour, sono sicuro che avremmo apprezzato e non poco (un po' come fa Gillan con i tour con l'orchestra quando sta fermo con i DP, per fare un paragone).


Si è vero...tutti noi avremko voluto un Blackmore determinato a suonare hard rock..ma non è andata cosi..sui Blackmore's night anche io in definitiva penso che nei primi album qualcosa di originale ci sia...quello che volevo dire è : pensate un po se avesse unito cio' alla voce di R.Dio (anziché la moglie Candice..) e alla batteria di un Powell...perche io sono ultra convito che cio che tutti noi consideriamo positivo nella esperienza Blackmore's night siano quei momenti, frammenti, assoli, che ci riconducono al suono dei Rainbow prima maniera (piu chedei Purple forse)..n nei primi 2 album dei Blackmore's night qualcosa si trova..detto cio tutta la produzione "medioevale" non vale Rainbow risiing da solo...se ci pensate bene Blackmore ha fatto anche buonimalbum da solo...ma i grandi album classici che conosciamo (Machine head...Burn..Rising..) hanno come co autori gente che non a caso ha prodotto grandi cose anche senza Blackmore...il rinchiudersi in se stesso ha portato inevitabilmente un abbassamento di qualità. questo da quando Ritchie ha pensato bene di circondarsi di comprimari. ..Strangers in us all fatto con Cozy e Ronnie nella band e come lo avreste visto?? Magari avrebbero contribuito a sviluppare meglio le idee che Ritchie ha inserito dentro...per come la vedo io Ritchie le idee avrebbe la capacità di tirarle fuori anche ora..ma non accetta che qualvuno lomaiuti a svilupparle...guardate cosa è successo con Ezrin...5 grandi musicisti diretti magistralmente da un ottimo profuttore , lo seguono..si mettono a disposizione..non pensano di poter fare tutto da soli...e cambiano passo...
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 466
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da nobody's home » lunedì 31 luglio 2017, 15:13

....cambiano passo a 70 anni...i Deep Purple attuali hanno la grandezza di non essere auto referenziali..nonostante i 70 anni...per fare questo si sono fatti aiutare da ..una volta , nel 93 Gillan dichiarò: quello che divrebbe fare Blavkmore è solo concentrarsi a tirare fuori quei dannati riff e assoli come solo lui sa fare e per il resto pensare solo a suonare..aveva ragione.
Child in time
Child in time
 
Messaggi: 466
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 19:46

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da hermann64 » giovedì 3 agosto 2017, 0:44

Però prendere come riferimento Rainbow Rising è un pò troppo facile , parliamo di una pietra miliare della storia dell'hard - rock , messa così Rising è superiore anche a tanti lavori dei Deep Purple, i Blackmore's night hanno fatto buone cose non solo nei primi 2 album secondo me ma almeno fino a Village Lanterne, poi mi sembra evidente la carenza di idee da parte di Blackmore, ho visto 5 o 6 concerti dei Blackmore's Night e alcuni sono stati gradevoli altri meno, uno bellissimo allo Smeraldo di Milano.
Vero su Rising aveva Dio e pure Powell , il primo tirato fuori dal cilindro magico , come nella sua carriera ne ha tirati fuori parecchi che poi si dimenticano....ma i Rainbow sono il suo gruppo, dove ha fatto e disfatto quello che ha voluto con buona pace di tutti.
Resta comunque il più grande compositore della storia dei Deep Purple, quella dei Rainbow è scontata e ho notato che comunque i suoi ultimi concerti 2016-2017 spesso denigrati hanno avuto una grande affluenza di pubblico, qualcosa vorrà dire.....
Avatar utente
Soon forgotten
Soon forgotten
 
Messaggi: 61
Iscritto il: lunedì 20 giugno 2016, 20:22

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da GIORGIO.MARCATO » giovedì 7 settembre 2017, 17:46

Ho riascoltato Infinite dopo qualche mese interamente e mi piace ancora molto. Musica, testi, interpretazioni singole e della band, l'unica cosa che viene a noia è la cover, il resto è secondo me il miglior album e quello col suono migliore dai tempi di Purpendicular.
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4303
Iscritto il: domenica 13 dicembre 2009, 19:47
Località: Padova

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da GIORGIO.MARCATO » mercoledì 4 ottobre 2017, 19:34

https://www.youtube.com/watch?v=rx4XEso9Um0

Deep Purple "The Surprising" - "inFinite" Gold Edition out November 3rd, 2017


gran bel video! =D>
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4303
Iscritto il: domenica 13 dicembre 2009, 19:47
Località: Padova

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da fabio q » giovedì 5 ottobre 2017, 1:58

GIORGIO.MARCATO ha scritto:https://www.youtube.com/watch?v=rx4XEso9Um0

Deep Purple "The Surprising" - "inFinite" Gold Edition out November 3rd, 2017


gran bel video! =D>

che figata!
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5546
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da silvano » giovedì 5 ottobre 2017, 9:51

Si apre la caccia all'individuazione del terzo album, "Deep Purple". Dove minchia è?
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1262
Iscritto il: sabato 26 marzo 2005, 23:24

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da silvano » giovedì 5 ottobre 2017, 10:00

Interessante che davanti a S&M ci sono solo Paice e Glover e si coprono gli occhi :)
Super trouper
Super trouper
 
Messaggi: 1262
Iscritto il: sabato 26 marzo 2005, 23:24

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da dagliStates » giovedì 5 ottobre 2017, 12:05

silvano ha scritto:Interessante che davanti a S&M ci sono solo Paice e Glover e si coprono gli occhi :)



Si l'avevo notato pure io...
Ma dove caspita è il terzo album?
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2414
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da purpleangel » giovedì 5 ottobre 2017, 12:48

Fighissimo il video!
Il terzo se lo sono dimenticati?
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5988
Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2003, 15:55
Località: Roma

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da dagliStates » giovedì 5 ottobre 2017, 14:06

purpleangel ha scritto:Fighissimo il video!
Il terzo se lo sono dimenticati?



Una possibilita' e' che le due ombre dietro Morse (che per me sono Glover e Airey)
alludano a Chasing Shadows

L'altra e' che il lampo che fa riflessi viola sia una allusione a Deep Purple

Ma mi sembrano molto deboli...
Complimenti al Prof. Marcato: la scritta Made In Japan sugli occhiali di Don Airey mi era del tutto sfuggita....
I would without hubris be able to say that Made In Japan is the best live album ever made. . . It’s a band on fire, isn’t it? (Jon Lord)
Avatar utente
Highway star
Highway star
 
Messaggi: 2414
Iscritto il: venerdì 7 agosto 2009, 21:33

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da LordEverTheBest » giovedì 5 ottobre 2017, 14:15

Finalmente un bel video di una bella canzone! Con tutto il rispetto per Johnny's Band, sia chiaro :wink:
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 5149
Iscritto il: sabato 28 maggio 2005, 17:10

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da fabio q » giovedì 5 ottobre 2017, 15:11

dagliStates ha scritto:
purpleangel ha scritto:Fighissimo il video!
Il terzo se lo sono dimenticati?



Una possibilita' e' che le due ombre dietro Morse (che per me sono Glover e Airey)
alludano a Chasing Shadows

L'altra e' che il lampo che fa riflessi viola sia una allusione a Deep Purple

Ma mi sembrano molto deboli...
Complimenti al Prof. Marcato: la scritta Made In Japan sugli occhiali di Don Airey mi era del tutto sfuggita....

Ma dov'è la scrita MIJ?
Drinking, smoking and messing around with women...
Avatar utente
Too much is not enough
Too much is not enough
 
Messaggi: 5546
Iscritto il: domenica 22 febbraio 2009, 0:17
Località: Roma

Re: Infinite. Il nuovo disco dei Deep Purple

da GIORGIO.MARCATO » giovedì 5 ottobre 2017, 15:42

Secondo me ci sono altre letture, oltre alla ricerca dei riferimenti agli album...o forse mi stuzzica immaginare che sia così; non so se sia giusto dimenticare Concerto for Group and Orchestra, sia i fans che la band, visto che non pare ve ne sia traccia. E di Lord nulla? Grazie Alex, ma i primi due me li hai suggeriti tu. :wink:

Fabio, non te lo dico, divertiti a trovarla. E non si trova dove ha detto Alex :lol:
Seventh heaven
Seventh heaven
 
Messaggi: 4303
Iscritto il: domenica 13 dicembre 2009, 19:47
Località: Padova

PrecedenteProssimo

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti
cron